Riccione

Carabinieri al lavoro nella Notte Rosa: 3 arresti e 11 denunce

Un 19enne in preda ad alcol e droghe, completamente nudo, aggredisce i militari dell'arma

Carabinieri al lavoro nella Notte Rosa: 3 arresti e 11 denunce
| Altro
N. Commenti 0

09/luglio/2017 - h. 13.33

Dal pomeriggio di venerdì 7 luglio sino all’alba di oggi, i militari dell’Arma di Riccione, guidati dal Capitano Marco Califano hanno dato corso ad articolato servizio predisposto in occasione degli eventi in programma per La Notte Rosa.  
Nel corso del dispositivo, dove significativa è stata anche una attenta attività di prevenzione, sono  stati tratti in arresto:
I Carabinieri sono intervenuti presso una nota discoteca dove J. A. 19enne marocchino, residente in provincia di Perugia, in evidente stato di alterazione dovuta ad una forte  ingestione di alcool e droghe, aveva aggredito alcuni addetti alla sicurezza che lo avevano sorpreso - completamente nudo - urlare frasi sconnesse. Alla vista dei militari, il giovane magrebino continuava nel proprio comportamento aggressivo e violento e li colpiva con calci e pugni senza causargli – fortunatamente - lesioni. Cosa però accaduta invece a un giovane addetto alla sicurezza del locale che riportava lievissime escoriazioni giudicate guaribili, dai sanitari ospedale di Riccione riccione in 3 giorni;
In viale d’annunzio M. R. , 20enne e V.F., 30enne, entrambi turisti della provincia di Perugia, denunciavano di aver subito una rapina, rispettivamente di una catena in oro giallo ed un paio di occhiali da sole ad opera due giovani che si erano poi allontanati a bordo di autovettura di colore scuro. I carabinieri mettevano subito in atto un dispositivo di ricerca che consentiva il rintraccio di P.E., 21 enne pregiudicato albanese, e A.A., 24 enne anch'egli pregiudicato albanese, entrambi residenti a Parma, sorpresi all’interno della loro vettura nei pressi di questo piazzale Aldo Moro. Nel corso del controllo gli stessi venivano trovati in possesso oltre che della intera refurtiva asportata ai due giovani denuncianti, di 11 telefoni cellulari varie marche, un lettore mp3 e due paia di occhiali da sole, il tutto di verosimile provenienza furtiva per i quali sono in corso accertamenti finalizzati identificazione e restituzione legittimi proprietari.
Indagati in stato di libertà:  
Ieri sera i militari intervenivano presso un noto centro commerciale del luogo dove al suo interno il personale addetto sicurezza aveva notato una 17enne del luogo asportare alcuni prodotti cosmetici. Immediatamente fermata dai militari veniva sottoposta a controllo e trovata in possesso della refurtiva per un valore di €.60,00 circa, restituita all’avente diritto;
Nel comune di Montescudo-Montecolombo, nei pressi di uno stabilimento deposito di una ditta operante nel settore di abbigliamento ed accessori griffati, i militari sorprendevano B.N., 19enne e N.M. 17enne, entrambi residenti in un comune della Valconca, che all’interno dell’area cortilizia cercavano di recuperare tre paia scarpe che il primo, approfittando della sua posizione di operaio presso la stessa ditta, aveva nascosto all’interno di cartoni da macero;
Inoltre, P.J.A., 45enne e P.S.F., 40enne, entrambi brasiliani, sono stati fermati 
poiché trattenutisi illecitamente nel territorio nazionale nonostante fossero titolari di provvedimento di espulsione;
Sono stati segnalati alla Prefettura di Rimini, quali assuntori di stupefacenti, sette giovani trovati in possesso di modiche quantità di hashish e cocaina.
A margine, ancora una volta, anche sicurezza stradale;
 
A sei utenti della strada è stata ritirata la patente di guida poiché sorpresi alla guida della propria autovettura in stato di ubriachezza.
Sottoposti a controllo più di 200 persone e circa centocinquanta tra auto e motoveicoli: in tale contesto sono state elevate contravvenzioni amministrative per alcune migliaia di euro.
Dal pomeriggio di venerdì 7 luglio sino all’alba di oggi, i militari dell’Arma di Riccione, guidati dal Capitano Marco Califano hanno dato corso ad articolato servizio predisposto in occasione degli eventi in programma per La Notte Rosa.  

Nel corso del dispositivo, dove significativa è stata anche una attenta attività di prevenzione, sono  stati tratti in arresto:

I Carabinieri sono intervenuti presso una nota discoteca dove J. A. 19enne marocchino, residente in provincia di Perugia, in evidente stato di alterazione dovuta ad una forte  ingestione di alcool e droghe, aveva aggredito alcuni addetti alla sicurezza che lo avevano sorpreso - completamente nudo - urlare frasi sconnesse. Alla vista dei militari, il giovane magrebino continuava nel proprio comportamento aggressivo e violento e li colpiva con calci e pugni senza causargli – fortunatamente - lesioni. Cosa però accaduta invece a un giovane addetto alla sicurezza del locale che riportava lievissime escoriazioni giudicate guaribili, dai sanitari ospedale di Riccione, in 3 giorni;

In viale Dannunzio M. R. , 20enne e V.F., 30enne, entrambi turisti della provincia di Perugia, denunciavano di aver subito una rapina, rispettivamente di una catena in oro giallo ed un paio di occhiali da sole ad opera due giovani che si erano poi allontanati a bordo di autovettura di colore scuro. I carabinieri mettevano subito in atto un dispositivo di ricerca che consentiva il rintraccio di P.E., 21 enne pregiudicato e A.A., 24 enne anch'egli pregiudicato, entrambi albanesi residenti a Parma, sorpresi all’interno della loro vettura nei pressi di questo piazzale Aldo Moro. Nel corso del controllo gli stessi venivano trovati in possesso oltre che della intera refurtiva asportata ai due giovani denuncianti, di 11 telefoni cellulari varie marche, un lettore mp3 e due paia di occhiali da sole, il tutto di verosimile provenienza furtiva per i quali sono in corso accertamenti finalizzati identificazione e restituzione legittimi proprietari.

Indagati in stato di libertà:  

Ieri sera i militari intervenivano presso un noto centro commerciale del luogo dove al suo interno il personale addetto sicurezza aveva notato una 17enne del luogo asportare alcuni prodotti cosmetici. Immediatamente fermata dai militari veniva sottoposta a controllo e trovata in possesso della refurtiva per un valore di 60 euro circa, restituita all’avente diritto;

Nel comune di Montescudo-Montecolombo, nei pressi di uno stabilimento deposito di una ditta operante nel settore di abbigliamento ed accessori griffati, i militari sorprendevano B.N., 19enne e N.M. 17enne, entrambi residenti in un comune della Valconca, che all’interno dell’area cortilizia cercavano di recuperare tre paia scarpe che il primo, approfittando della sua posizione di operaio presso la stessa ditta, aveva nascosto all’interno di cartoni da macero;

Inoltre, P.J.A., 45enne e P.S.F., 40enne, entrambi brasiliani, sono stati fermati poiché trattenutisi illecitamente nel territorio nazionale nonostante fossero titolari di provvedimento di espulsione.

Sono stati segnalati alla Prefettura di Rimini, quali assuntori di stupefacenti, sette giovani trovati in possesso di modiche quantità di hashish e cocaina. A margine, ancora una volta, anche sicurezza stradale: a sei utenti della strada è stata ritirata la patente di guida poiché sorpresi alla guida della propria autovettura in stato di ubriachezza.

Sottoposti a controllo più di 200 persone e circa centocinquanta tra auto e motoveicoli: in tale contesto sono state elevate contravvenzioni amministrative per alcune migliaia di euro.