Riccione

Colto in atteggiamento violento contro la consorte, arrestato

L'uomo, un marocchino residente a Coriano, da tempo teneva condotte violente in famiglia

Colto in atteggiamento violento contro la consorte, arrestato
| Altro
N. Commenti 0

02/settembre/2017 - h. 12.40

Nel tardo pomeriggio di ieri in via Marano veniva segnalata ai carabinieri di Riccione una lite in corso tra due coniugi. I militari intervenivano è trovavano la coppia al culmine della violenta lite scaturita per futili motivi, peraltro in presenza dei figli minori.
L'uomo, B.A. 43enne, nato in Marocco e residente a Coriano, aveva usato violenza nei confronti della donna, strappandole di dosso e sottraendole la borsa contenente il portafogli ed il telefono cellulare. Ulteriori accertamenti, inoltre, consentivano di comprendere che le condotte violente del soggetto si protraevano dall’inizio dell’estate in corso pur non essendo mai state oggetto di denuncia.
Per tali ragioni, il magrebino veniva deferito in relazione al reato di maltrattamenti in famiglia. L’arrestato, espletate le formalità di rito da parte dei carabinieri, è stato condotto alla Casa circondariale 'Casetti' di Rimini a disposizione di dell'autorità giudiziaria.
Nel tardo pomeriggio di ieri in via Marano veniva segnalata ai carabinieri di Riccione una lite in corso tra due coniugi. I militari intervenivano è trovavano la coppia al culmine della violenta lite scaturita per futili motivi, peraltro in presenza dei figli minori.

L'uomo, B.A. 43enne, nato in Marocco e residente a Coriano, aveva usato violenza nei confronti della donna, strappandole di dosso e sottraendole la borsa contenente il portafogli ed il telefono cellulare. Ulteriori accertamenti, inoltre, consentivano di comprendere che le condotte violente del soggetto si protraevano dall’inizio dell’estate in corso pur non essendo mai state oggetto di denuncia.

Per tali ragioni, il magrebino veniva deferito in relazione al reato di maltrattamenti in famiglia. L’arrestato, espletate le formalità di rito da parte dei carabinieri, è stato condotto alla Casa circondariale 'Casetti' di Rimini a disposizione di dell'autorità giudiziaria.