Fotografia

"Stories. I racconti della Motor Valley"

Doppia personale che ospita oltre 50 opere fotografiche di Mindy Tan e Wilfred Lim

"Stories. I racconti della Motor Valley"
| Altro
N. Commenti 0

20/settembre/2017 - h. 02.47

In concomitanza con l’apertura dell’ottava edizione della Settimana del Buon Vivere - rinomata manifestazione forlivese dedicata all’economia della relazione e alle sue influenze sulla cultura e sulla sostenibilità responsabile, il cui tema di quest’anno prende il titolo dall’antologica di Elliott Erwitt ai Musei San Domenico “Personae” - la DZ Engineering porta in Italia, negli spazi forlivesi della Fondazione Dino Zoli Arte Contemporanea "Stories. I racconti della Motor Valley", doppia personale che ospita oltre 50 opere fotografiche di Mindy Tan e Wilfred Lim, a cura di Nadia Stefanel, direttrice artistica della Fondazione.
Con il patrocinio dell'Ambasciata d’Italia, dell'Istituto di Cultura e della Camera di Commercio Italiana a Singapore, la mostra è reduce dal grande successo di pubblico ottenuto durante la première (dal 14 al 17 settembre 2017), avvenuta nella prestigiosa The Arts House di Singapore, in contemporanea con la tappa notturna del circuito di Formula 1 a Marina Bay, di cui la DZ Engineering è fin dagli esordi main partner.
All’interno della rinomata Motor Valley d'Italia - situata lungo la celeberrima Via Emilia, musa da Rimini a Piacenza per artisti del calibro di Luigi Ghirri e Paolo Ventura che vi hanno ambientato alcuni dei loro progetti più noti e più lirici - i due giovani fotografi di Singapore, in residenza artistica durante lo scorso mese di giugno presso la Fondazione, hanno viaggiato attraverso i luoghi di nascita della Lamborghini, della Maserati, della Ferrari, della Ducati per catturare le leggende del panorama dell’industria del motore, con uno sguardo incantato nei riguardi di ciò che si cela dietro le leggende dell’establishment automobilistico, catturandone le passioni attraverso la loro lente creativa. Le loro fotografie raccontano la storia del Made in Italy, combinando la leggenda dell'industria automobilistica alla narrazione emozionale della sua identità.
La forlivese Fondazione Dino Zoli, che fa capo all’eccellenza imprenditoriale del Gruppo Dino Zoli, è coinvolta nella promozione e nel sostegno della cultura italiana in patria e all'estero. La consociata DZ Engineering progetta e produce illuminazioni integrate, telecomunicazioni e sistemi audiovisivi, ed ha collaborato sin dal debutto alla gara notturna di Formula Uno nel circuito di Singapore, gestendo gli impianti tecnologici più importanti e dando così vita ad uno degli appuntamenti più suggestivi del circuito. "Stories. I racconti della Motor Valley" mira così a fornire un aspetto culturale legato al mondo fast and furious della Formula Uno, mettendo in risalto lo spirito dell'industria automobilistica italiana. Il motor sport non è, tuttavia, l’unica specializzazione di DZ Engineering, che vanta un’ampia esperienza nell’illuminazione portuale, artistica e museale.
Arte come motore propulsore della Fondazione Dino Zoli Arte Contemporanea, già costellata da un’importante collezione di opere moderne e contemporanee acquisite dal suo patron e mecenate Dino Zoli. Proseguendo con la programmazione espositiva, a partire dal 21 ottobre 2017 la Fondazione ospiterà un’installazione multimediale site-specific realizzata, con il supporto degli splendidi metraggi prodotti dalla Dino Zoli Textile, dal celebre artista contemporaneo Mustafa Sabbagh.
In concomitanza con l’apertura dell’ottava edizione della Settimana del Buon Vivere - rinomata manifestazione forlivese dedicata all’economia della relazione e alle sue influenze sulla cultura e sulla sostenibilità responsabile, il cui tema di quest’anno prende il titolo dall’antologica di Elliott Erwitt ai Musei San Domenico “Personae” - la DZ Engineering porta in Italia, negli spazi forlivesi della Fondazione Dino Zoli Arte Contemporanea "Stories. I racconti della Motor Valley", doppia personale che ospita oltre 50 opere fotografiche di Mindy Tan e Wilfred Lim, a cura di Nadia Stefanel, direttrice artistica della Fondazione.

Con il patrocinio dell'Ambasciata d’Italia, dell'Istituto di Cultura e della Camera di Commercio Italiana a Singapore, la mostra è reduce dal grande successo di pubblico ottenuto durante la première (dal 14 al 17 settembre 2017), avvenuta nella prestigiosa The Arts House di Singapore, in contemporanea con la tappa notturna del circuito di Formula 1 a Marina Bay, di cui la DZ Engineering è fin dagli esordi main partner.

All’interno della rinomata Motor Valley d'Italia - situata lungo la celeberrima Via Emilia, musa da Rimini a Piacenza per artisti del calibro di Luigi Ghirri e Paolo Ventura che vi hanno ambientato alcuni dei loro progetti più noti e più lirici - i due giovani fotografi di Singapore, in residenza artistica durante lo scorso mese di giugno presso la Fondazione, hanno viaggiato attraverso i luoghi di nascita della Lamborghini, della Maserati, della Ferrari, della Ducati per catturare le leggende del panorama dell’industria del motore, con uno sguardo incantato nei riguardi di ciò che si cela dietro le leggende dell’establishment automobilistico, catturandone le passioni attraverso la loro lente creativa. Le loro fotografie raccontano la storia del Made in Italy, combinando la leggenda dell'industria automobilistica alla narrazione emozionale della sua identità.

La forlivese Fondazione Dino Zoli, che fa capo all’eccellenza imprenditoriale del Gruppo Dino Zoli, è coinvolta nella promozione e nel sostegno della cultura italiana in patria e all'estero. La consociata DZ Engineering progetta e produce illuminazioni integrate, telecomunicazioni e sistemi audiovisivi, ed ha collaborato sin dal debutto alla gara notturna di Formula Uno nel circuito di Singapore, gestendo gli impianti tecnologici più importanti e dando così vita ad uno degli appuntamenti più suggestivi del circuito. "Stories. I racconti della Motor Valley" mira così a fornire un aspetto culturale legato al mondo fast and furious della Formula Uno, mettendo in risalto lo spirito dell'industria automobilistica italiana. Il motor sport non è, tuttavia, l’unica specializzazione di DZ Engineering, che vanta un’ampia esperienza nell’illuminazione portuale, artistica e museale.

Arte come motore propulsore della Fondazione Dino Zoli Arte Contemporanea, già costellata da un’importante collezione di opere moderne e contemporanee acquisite dal suo patron e mecenate Dino Zoli. Proseguendo con la programmazione espositiva, a partire dal 21 ottobre 2017 la Fondazione ospiterà un’installazione multimediale site-specific realizzata, con il supporto degli splendidi metraggi prodotti dalla Dino Zoli Textile, dal celebre artista contemporaneo Mustafa Sabbagh.