Imola

Antenne al campo sportivo: i genitori protestano

Installate sul traliccio dell’illuminazione due dispositivi di Wind e Vodafone. L’assessore Tronconi: “Una c’era già, la seconda era prevista dal Piano ed ha ottenuto il via libera di Arpa”

Antenne al campo sportivo: i genitori protestano
| Altro
N. Commenti 0

18/settembre/2014 - h. 12.15

IMOLA - Quei due cestelli elevatori in zona riflettori erano sospetti. E quando è stato confermato che gli operai a decine di metri di altezza stavano installando antenne per la telefonia mobile è scoppiata la rabbia. In molti ieri pomeriggio hanno protestato al centro sportivo Bacchilega, per l’installazione delle cosidette celle telefoniche, i ripetitori, per dirla volgarmente, da cui dipendono le tacche di ricezione dei cellulari. Tutti ne hanno uno in tasca, ma vedere spuntare quegli aggeggi su un campo sportivo, frequentato per lo più da ragazzini, ha fatto venire il volta stomaco a molti genitori. Immediate le proteste. Gli operai stavano montando le antenne sul traliccio che ospita i riflettori chiamati ad illuminare il campo da rugby. Il tutto mentre una delle squadre del settore giovanile dell’Imolese calcio stava entrando in campo per l’allenamento pomeridiano. Si è gridato al raggiro, nessuno sospettava che quel traliccio dovesse ospitare anche tale diavoleria, ma altro non era che l’installazione di un’antenna preesistente. Un ripetitore della Wind già operativo in zona. La novità è che oltre al dispositivo sopracitato, gli addetti ai lavori stavano montando anche un’altra antenna della Vodafone, questa votata alla trasmissione del traffico dati, utile insomma per collegare gli smartphone ad Internet. La conferma arriva dall’assessore all’Ambiente Davide Tronconi: “L’antenna Wind era preesistente - sottolinea - ed in co-siting è stata aggiunta quella della Vodafone. Tutto era previsto nel Piano antenne votato dal Consiglio comunale e tutto è stato svolto sotto il controllo dell’Arpa che sul campo sportivo svolge il controllo del rispetto dei limiti di elettrosmog dell’impianto”.

fto