Toscanella di Dozza

Colpo di forza, e carroattrezzi, a Toscanella: sportello bancomat sradicato dal muro

Postazione prelievi divelta dalla parete della filiale Unicredit

Colpo di forza, e carroattrezzi, a Toscanella: sportello bancomat sradicato dal muro
| Altro
N. Commenti 0

13/ottobre/2014 - h. 09.50

TOSCANELLA - E‘ la nuova versione degli assalti al bancomat. Prima li facevano saltare imbottendoli di acetilene o altra soluzione esplosiva. Ora li sradicano direttamenta dalla postazione, lasciando in ricordo una parete mancante all’istituto di credito. In Romagna analoghi colpi sono stati registrati recentemente in provincia di Forlì-Cesena, e ora tocca all’Imolese, precisamente a Toscanella di Dozza, lungo la via Emilia, dove ieri mattina una banda di ladri si è portata via la postazione bancomat dell’Unicredit. All’arrivo delle forze dell’ordine l’incredibile scena del muro esterno della filiale asportato insieme al bancomat. Da quanto ricostruito l’assalto è avvenuto alle 4 del mattino, nella filiale di via Dalla Chiesa. Quella che è ancora un’ipotesi, vede i malviventi assicurare lo sportello prelievi ad un carroattrezzi con resistenti catane. Assicurato il bancomat e messo in moto il veicolo, questo è riuscito a sradicare dalla struttura muraria il bancomat, dal peso approssimativo di 500 chilogrammi. Il macchinario è stato così caricato su di un furgone e portato poco distante per essere svaligiato con calma. Le forze dell’ordine hanno infatti recuperato veicolo e bancomat poco distante, in un casolare di via Nebbia. Lì, dopo aver percorso via Remondino, i ladri l’hanno sventrato per derubarlo del contenuto, per poi proseguire su altro veicolo. Il furgone recuperato, di colore rosso, risulta essere stato rubato tempo fa in provincia di Rovigo. Come anticipato un colpo simile ha due precedenti in Romagna, tutti risalenti al mese di settembre, quando una banda di criminali prese di mira un bancomat in frazione Roncadello, Comune di Forlì, per poi ripetersi a fine settembre a Pievesestina, vittima in quest’ultimo caso la Banca Popolare dell’Emilia-Romagna.