Imola

Tablet rubato, scattano le indagini: arrestato per spaccio

Beccato con le dosi già pronte per essere vendute è finito in manette un 23enne marocchino

Tablet rubato, scattano le indagini: arrestato per spaccio

Il kit dello spaccio sequestrato al marocchino

| Altro
N. Commenti 0

14/ottobre/2015 - h. 14.31

IMOLA - Inizialmente era stato fermato dai carabinieri che, in seguito al furto di un tablet, stavano cercando di risalire all'identità del ladro. Il caso vuole che proprio lui, il 23enne marocchino interpellato dai militari, si trovasse in possesso di una discreta quantità di droga, già suddivisa in dosi pronte per essere vendute. E' stato lui quindi alla fine a finire in manette con l'accusa di detenzione di sostenze stupefacenti ai fini di spaccio.
 
I FATTI Ieri pomeriggio, poco dopo le 17, la Centrale operativa del 112 ha ricevuto la segnalazione di rintraccio di un magrebino che si era appena rubato un Tablet Pc a un cittadino imolese. Le ricerche dei militari dell'Arma si sono subito estese in un bar della città noto per l'afflusso di clienti extracomunitari. Giunti sul posto, i carabinieri hanno notato il 23enne marocchino che, non corrispondendo alla descrizione del ladro, è stato comunque interpellato nel tentativo di avere un qualche indizio in più a favore delle ricerche.
 
Il giovane, piuttosto agitato e frettoloso, inizialmente ha collaborato, poi ha smesso di rispondere alle domande e si è recato al bagno. Pochi minuti dopo è uscito e, facendo finta di niente, si è incamminato verso l’esterno del locale. I Carabinieri però, accorgendosi che non stava più indossando il marsupio, si sono insospettiti e lo hanno fermato per un ulteriore controllo. 
L'iniziativa ha così permesso di recuperare il marsupio nel cestino dei rifiuti della toilette e scoprire che conteneva un coltello, 136 euro in contanti e 20 dosi di hashish del peso complessivo di 35 grammi. Trascorsa la notte in camera di sicurezza, il giovane marocchino, con precedenti di polizia, è stato tradotto questa mattina in Tribunale a Bologna per l’udienza di convalida dell’arresto.