Imola

Impegno per la chiusura della discarica e festival all'autodromo: le promesse a Cinque Stelle

Il mandato elettorale di Manuela Sangiorgi: si punta sulla bonifica della Tre Monti, su un progetto per il ritorno della F1. "Rivedremo le partecipate e spingeremo sul turismo"

Impegno per la chiusura della discarica e festival all'autodromo: le promesse a Cinque Stelle

Le bandiere a 5 Stelle sventolano dal Palazzo

| Altro
N. Commenti 0

25/giugno/2018 - h. 08.00

IMOLA Punto cruciale del mandato di Manuela Sangiorgi sarà “la chiusura della discarica e la sua bonifica”. Una scelta che sarà fatta “costi quel che costi”. Sangiorgi sa che il Comune da solo non ha potere decisionale ma - ha scritto nel programma - “non lascerò avvelenare oltre la nostra città. Costi quel che costi”. Un bell’aiuto potrebbe venire dalla vittoria in Emilia Romagna, alle regionali del 2019, del Movimento 5 Stelle. 

L’idea è quella di seguire il modello Forlì, dove ad Hera è stata preferita una società in house per la raccolta: “L’avviamento di una società in house per la raccolta dei rifiuti è un altro punto che ci permetterà di andare ben oltre i mediocri obiettivi sulla differenziata ottenuti dalle passate amministrazioni con gli odiosi cassonetti a tessera, che saranno eliminati”.

Tema importante è quello della sicurezza, per il quale sarà assessore l’ex pretore Ezio Roi:  “Furti e crimini - scrive il M5S - sono all'ordine del giorno, e abbiamo individuato alcuni deterrenti che, assieme finalmente alle nuove leggi che verranno approvate dal governo nazionale a 5 Stelle, ci aiuteranno a diminuire questa piaga immensa”. La speranza è quello di riavere ad Imola il tribunale grazie al decentramento amministrativo proposto dal Movimento. “Un servizio fondamentale per i cittadini, e per garantire loro una giustizia più celere e più certa”.

Per quanto riguarda l’autodromo, si punta al ritorno di un festival musicale mentre per la Formula Uno si punta alla concretezza: “Il progetto sarà più lungo e complesso, a partire innanzitutto dall'impegno preso dal vice-premier Luigi Di Maio di un sostegno economico governativo sui grandi eventi, al reperimento dei fondi Comunali necessari a sostenere l'appuntamento. Ultimato il progetto la parola passerà ai cittadini: conti alla mano, e con la massima trasparenza, saranno loro che decideranno con parere vincolante grazie alla nuova piattaforma di democrazia diretta che metteremo in campo”.

Un altro impegno riguarda la rivisitazione del sistema delle società partecipate: “Il Comune di Imola da molti anni condivide le proprie attività con una galassia sempre più complessa e articolata di società partecipate, per le quali un urgente riassetto societario risulta essere una evidente necessità. Il complesso quanto vasto sistema societario pubblico imolese è spesso composto ad arte come “scatole cinesi” e rappresenta con estrema evidenza una grave degenerazione del sistema democratico”.

Infine si spingerà è il turismo su cui si vedono “enormi margini di miglioramento dalla situazione attuale”. Per Sangiorgi “occorre prima di tutto unificare le politiche turistiche dei Comuni del circondario Imolese, evitando che ogni singola realtà viaggi per una propria strada. Una voce unica proveniente da un territorio più vasto, aumenterà l’attrattività dei progetti turistici e l’accesso ai relativi fondi, assegnati nei tavoli regionali o della città metropolitana. Fare squadra è fondamentale per competere con realtà regionali che negli ultimi anni si sono sviluppate molto più della nostra”.

 

L’offerta turistica della città “ha come fiori all’occhiello la Rocca Sforzesca e l’Autodromo: questi vanno messi in sinergia con pacchetti ad hoc che permettano un aumento della permanenza dei turisti, in quanto Imola ha tanto altro da offrire: museo del San Domenico, percorsi enogastronomici d’eccellenza, villa Muggia, Osservanza, parchi naturalistici, golf, e tanti altri tesori del nostro territorio”.