cronaca

Tutto esaurito per Justin Bieber, i 'bagarini' si danno da fare

Dodici persone multate fuori dall'Unipol Arena. Sequestrati anche 3mila capi d'abbigliamento contraffatti con le immagini del cantante e di altri artisti

Tutto esaurito per Justin Bieber, i 'bagarini' si danno da fare
| Altro
N. Commenti 0

25/marzo/2013 - h. 10.55

BOLOGNA - Per l'unica data italiana di Justin Bieber si attendevano migliaia di fan, ed il tutto esaurito. Così i soliti "bagarini" si sfregavano già le mani pensando agli affari, con le tante ragazzine rimaste a mani vuote, e che probabilmente avrebbero fatto di tutto pur di assistere al concerto del loro idolo. Peccato che fuori dal palazzotto di Casalecchio ci fosse anche un massiccio dispiegamento di forze: dalle fiamme gialle alla polizia municipale, fino al personale della Siae. A finire nei guai sono state 12 persone, quasi tutte di origine campana, sorprese a vendere illegalmente biglietti nei dintorni dell'Unipol Arena. 

I 'bagarini' erano arrivati a vendere alcuni biglietti anche su internet con prezzino fino a 1.500 euro. Per tutti sono state staccate sanzioni, previste da una recente ordinanza appositamente emanata dal sindaco di Casalecchio di Reno, che prevede sanzioni amministrative fino a 500 euro per ogni violazione nonchè il sequestro dei titoli d'ingresso e del denaro guadagnato con la loro vendita. 

Ma non è tutto. Durante lo stesso servizio i finanzieri hanno anche sequestrato più di 3mila capi contraffatti (magliette, sciarpe e felpe) raffiguranti immagini di Justin Bieber e di altri artisti per un valore commerciale di oltre 50mila euro.
Così è scattata la denuncia per altre 12 persone - anche queste in prevalenza di origine campana - per i reati di contraffazione e, per alcune di queste, anche di ricettazione. La perquisizione del furgone in uso ad alcuni dei denunciati ha anche consentito di individuare il laboratorio dove gli stessi procedevano alla realizzazione del materiale contraffatto, ubicato in Brianza, dove, con la collaborazione dei finanzieri della Tenenza di Paderno Dugnano, sono stati sequestrati macchinari e matrici raffiguranti diversi noti artisti.