Arriva il freddo, quello vero

La nona perturbazione di gennaio abbassa la quota neve anche in Emilia-Romagna

Arriva il freddo, quello vero
| Altro
N. Commenti 0

26/gennaio/2014 - h. 19.55

ROMA - "Le correnti fredde di origine artica che hanno raggiunto l'Italia oggi porteranno ancora qualche pioggia, accompagnata da nevicate in montagna, più che altro sul medio Adriatico e sulle estreme regioni meridionali - spiega il meteorologo Daniele Izzo - con temperature in gran parte d'Italia vicine a quelle tipiche del periodo. L'inverno alzerà ulteriormente la voce agli inizi della prossima settimana quando, dai confini settentrionali dell'Europa, arriverà un nucleo di aria gelida che, oltre a portare un aumento del freddo- sottolinea l'esperto- sarà molto probabilmente accompagnato da qualche nevicata fino in pianura al Nord. In particolare, tra domani notte e martedì probabili nevicate in pianura al Nordest, tra mercoledì e giovedì su gran parte del Nord".

Tra la prossima notte e la giornata di lunedì è previsto l'arrivo di una nuova perturbazione, la numero 9 del mese di gennaio. In particolare, domani al mattino qualche schiarita su parte del Sud peninsulare, della Sicilia e sulle Alpi piemontesi, altrove prevarrà una nuvolosità irregolare con qualche fiocco di neve sulle creste alpine di confine tra la Valle d'Aosta e l'Alto Adige e le prime locali piogge su Sardegna, Toscana, Umbria e alto Lazio con limite della neve sull'Appennino settentrionale fino ai 600-800 metri. Tra pomeriggio e sera gradualmente il peggioramento si estenderà a est Lombardia, Nordest, Marche, settore tirrenico e Sicilia; possibili rovesci o temporali su basso Lazio, Campania e Sicilia e quota neve in calo al Nordest, nella notte fino ai fondovalle sulle Alpi orientali e fino a zone di pianura su sud-est Lombardia, basso Veneto ed Emilia. Temperature massime in calo su Nordovest, medio-alto Tirreno e Sardegna. Ventoso su mari di ponente e Isole con Maestrale anche forte in Sardegna.

Martedì al mattino ancora precipitazioni tra estremo sud-est della Lombardia, Emilia Romagna e Marche con neve possibile anche in pianura in Emilia; qualche goccia di pioggia sulla Sardegna occidentale. Piano piano migliora nel pomeriggio. Tempo instabile sul basso Tirreno con rovesci in particolare su Calabria e nord Sicilia e neve fino 900-1000 metri sui rilievi. Tendenza a miglioramento altrove con schiarite in particolare al Nordovest e sulle Alpi. Ancora molto vento al Centrosud con forte Maestrale nelle Isole e, in mattinata, forte Bora sull'alto Adriatico. Temperature in calo al Centronord e Isole. Dopo la tregua, mercoledì è previsto l'arrivo di una nuova perturbazione con coinvolgimento della Sardegna e del Centronord con il rischio di neve a bassa quota al Nordovest. Seguiranno maggiori aggiornamenti. Tra la notte di domani (lunedì) e la giornata di martedì possibili nevicate fino in pianura al Nordest. Tra mercoledì e giovedì, invece, la neve in pianura potrebbe cadere fino a quote pianeggianti su gran parte del Nord. Verranno dunque imbiancate città come Torino, Milano, Genova e Piacenza. La fase-clou di queste nevicate, al momento, sembra verificarsi tra la sera di mercoledì e la mattina di giovedì quando, oltre a quelle del Nordovest, potrebbero essere imbiancate anche molte città del Nordest tra cui Verona, Treviso, Udine.