Le consultazioni

Governo: il centrodestra ribadisce la linea dell'unità

Il Pd pronto al confronto con chi avrà il pre incarico. Dal Movimento 5 Stelle chiesto "passo di lato" a Berlusconi che però non ne vuole sapere

Governo: il centrodestra ribadisce la linea dell'unità
| Altro
N. Commenti 0

12/aprile/2018 - h. 18.52

ROMA - Non sta andando nei migliore dei modi, almeno per quanto riguarda la prospettiva di un governo Movimento 5 Stelle-Lega Nord, il secondo giro di consultazioni. Il centrodestra si è presentato in coalizione da Sergio Mattarella. “Il centrodestra è pronto a farsi carico della responsabilità di governo unitariamente", guidato da "una personalità guidata dalla Lega", ha detto Matteo Salvini. Il leader leghista ha detto di aspettarsi la stessa responsabilità dai grillini. "No a tattiche politiche", ha detto in sitesi rivolgendosi a Luigi Di Maio. Da parte sua il Movimento chiede a Berlusconi di farsi da parte per consentire la nascita del governo di coalizione con la Lega. Come noto, infatti, la presenza dell'ex Cavaliere è lo scoglio maggiore dell'accordo: difficile far digerire all'elettorato grillino un esecutivo insieme al leader di FI.

"Stop ai balletti, chi ha vinto le elezioni ha il dovere di dire cosa vuole fare", ha detto invece Maurizio Martina - segretario reggente Pd - uscendo dal colloquio con il presidente. I Dem hanno ribadito la linea dell'opposizione ma hanno anche detto di essere disposti ad un confronto con chi avrà un pre incarico. Un passo avanti rispetto alla linea dell'immobilismo che era prevalsa in occasione del primo incontro con Mattarella.