Giappone: eseguite due condanne a morte per impiccagione

| Altro
N. Commenti 0

28/luglio/2010 - h. 10.57

Tokyo, 28 lug. - (Adnkronos/Dpa) - Eseguite due nuove condanne a morte in Giappone, le prime da quando e' arrivato al governo, nel settembre dello scorso anno, il Partito democratico. Secondo quanto riferito dal ministro della Giustizia Keiko Chiba, sono stati impiccati Kazuo Shinozawa, 59 anni, accusato dell'assassinio di sei donne che lavoravano in una gioielleria nella provincia di Tochigi, ed il 33enne Hidenori Ogata, responsabile nel 2003 di un duplice omicidio. Nelle settimane scorse, la Chiba ha espresso il suo sostegno a favore di un dibattito pubblico sull'opportunita' o meno di mantenere la pena di morte in Giappone, ordinando la creazione di una commissione ad hoc. Membro di un gruppo di parlamentari contrari alla pena capitale che ha lasciato una volta entrata al governo, il ministro della Giustizia potrebbe essere sostituito a breve, dopo aver perso il seggio alle elezioni delle settimane scorse. Attualmente in Giappone ci sono 107 detenuti nel braccio della morte.

(Ses/Col/Adnkronos)