Il mito

Buon anno nuovo con Lupin III in Romagna

Nel 2015 andrà in onda la serie interamente ambientata tra Rimini, San Marino e San Leo

Buon anno nuovo con Lupin III in Romagna
| Altro
N. Commenti 0

05/dicembre/2014 - h. 16.39

ROMAGNA - Tra i regali di Natale ce n'è uno assai speciale. Nel 2015 andrà infatti in onda la nuova serie di Lupin III ambientata integralmente tra San Marino, Rimini e San Leo. La nuova serie uscirà a trent’anni di distanza dall’ultimo “Lupin III parte terza” del 1985 ed andrà in onda in anteprima mondiale nella primavera del 2015 sulle Reti RTI. La serie è il frutto di una collaborazione intergenerazionale tra il Maestro di animazione Kazuhide Takakashi già visto in “La pietra della saggezza” e “Il castello di Cagliostro” nel ruolo di regista, Ichiro Yano come aiuto regista e Yuya Takahashi (Jigen Daisuke no Bōhyō, Tiger & Bunny) che ha curato invece la strutturazione episodica della serie.

Descrive il progetto Kazuhide Takakashi: “In questa serie non è più ritratto il personaggio che abbiamo visto da 40 anni a questa parte, ritagliato su misura per un pubblico giovanile. Il Lupin di oggi è maturato, maniacale, di grande impatto. In questo modo ho voluto cogliere di sopresa il pubblico meno giovane, così come allo stesso tempo sarà una novità per i più piccoli. E’ un nuovo Lupin: più reale ma sempre appartenente al fantastico, come per sua natura. Un po' hard-boiled, un po' cool in salsa American College, come sempre divertente a tratti ridicolo, sarà un Lupin III dal carattere estremamente eclettico. Credo proprio che l’eccitazione sarà davvero palpabile”.

La JSFS Japan San Marino Friendship Society che dal 2001 collabora con le più importanti aziende giapponesi e con l'Ambasciata di San Marino in Giappone ritiene che questo risultato sia da considerare un valido strumento di promozione del territorio a livello internazionale, dal momento che la nuova serie di Lupin III sarà vista in tutto il mondo da un pubblico di tre generazioni. L’importante notizia giunge a San Marino attraverso l’Ambasciatore di San Marino in Giappone Manlio Cadelo, che scrive: “ora tutti aspettiamo di vedere nei piccoli schermi delle case italo-sammarinesi il famoso ladro solcare i nostri patrimoni architettonici e i nostri paesaggi, facendo magari sparire qualche importante tesoro nazionale!”.