Gastronomia romagnola

Mattioli: "La Dina è un monumento della ristorazione italiana"

L'attore romano a Cervia rende omaggio alla più longeva ristoratrice romagnola: 91 anni

Mattioli: "La Dina è un monumento della ristorazione italiana"

Maurizio Mattioli con la mitica Dina

| Altro
N. Commenti 0

10/agosto/2017 - h. 11.38

L'attore romano, di passaggio a Cervia, rende omaggio alla più longeva ristoratrice romagnola (91 anni): "Che sia d'esempio per le nuove generazioni"
E' il re delle cucine, il palato più rinomato di Cinecittà. Lui è Maurizio Mattioli, maestro di teatro e protagonista di una serie infinita di pellicole di successo. Un attore ormai di lungo corso ma - come ama definirsi lui - "soprattutto un inguaribile buongustaio", ovvero un esperto di gastronomia molto esigente e "viziato".
Per questo, l'attore romano - di passaggio a Cervia per impegni di lavoro - ha scelto di cenare al ristorante "La Dina" sul lungomare D'Annunzio, andando personalmente a salutare Dina Lunardini - classe 1926 - la più longeva ristoratrice romagnola che, lo scorso mese di febbraio, ha compiuto 91 anni: "La Dina è un monumento vivente della cucina romagnola - ha detto Mattioli - una donna che dovrebbe essere presa d'esempio dalle nuove generazioni. La sua dedizione, la sua passione per il lavoro e, soprattutto, la sua serietà come imprenditrice ne fanno una delle eccellenze della ristorazione italiana". 
L'attore romano, di passaggio a Cervia, rende omaggio alla più longeva ristoratrice romagnola (91 anni): "Che sia d'esempio per le nuove generazioni".

E' il re delle cucine, il palato più rinomato di Cinecittà. Lui è Maurizio Mattioli, maestro di teatro e protagonista di una serie infinita di pellicole di successo. Un attore ormai di lungo corso ma - come ama definirsi lui - "soprattutto un inguaribile buongustaio", ovvero un esperto di gastronomia molto esigente e "viziato".

Per questo, l'attore romano - di passaggio a Cervia per impegni di lavoro - ha scelto di cenare al ristorante "La Dina" sul lungomare D'Annunzio, andando personalmente a salutare Dina Lunardini - classe 1926 - la più longeva ristoratrice romagnola che, lo scorso mese di febbraio, ha compiuto 91 anni: "La Dina è un monumento vivente della cucina romagnola - ha detto Mattioli - una donna che dovrebbe essere presa d'esempio dalle nuove generazioni. La sua dedizione, la sua passione per il lavoro e, soprattutto, la sua serietà come imprenditrice ne fanno una delle eccellenze della ristorazione italiana".