Milano Marittima

Capodanno al Caminetto, una tradizione lunga 48 anni

Il titolare: "Il territorio di Cervia può trainare la ripresa della Romagna"

Capodanno al Caminetto, una tradizione lunga 48 anni
| Altro
N. Commenti 0

28/dicembre/2017 - h. 20.46

Sarà, come tradizione impone, uno dei Capodanni più chic della riviera. Perché al Caminetto di Milano Marittima i preparativi per il cenone di San Silvestro sono partiti già diversi mesi fa. "Per noi - spiega il titolare del ristorante di viale Matteotti Franco Mazzoni - il Capodanno rappresenta, ormai da 48 anni, l'evento più sentito, quello in cui ritroviamo gli amici di sempre che, in un'atmosfera elegante ma informale, vengono a trovarci per trascorrere in famiglia la serata più importante dell'anno. E' un piacere, ma anche una responsabilità, metterli a loro agio, offrendo il meglio del nostro repertorio culinario e della nostra cultura dell'ospitalità. E' una serata che curiamo nei minimi dettagli e che, puntualmente, diventa indimenticabile per la qualità delle pietanze proposte ma anche per la grande capacità dello staff di accogliere, con professionalità e cordialità, i nostri ospiti". 
La serata partirà attorno alle 22 e sarà incentrata su un menù a base di pesce che proseguirà - tra sorprese e musica dal vivo - fino a notte inoltrata. Intanto, nel periodo natalizio, si sono moltiplicate le cene di auguri organizzate dai club di servizio del territorio che hanno scelto proprio il ristorante Al Caminetto per la ricorrenza più importante dell'anno: "Con tanti imprenditori del territorio - conclude Mazzoni - ci unisce una visione ottimistica della società, una fiducia che chiunque operi in una realtà dinamica come questa ha il dovere di diffondere ed alimentare. Al di là dell'andamento di queste festività, io credo che Cervia-Milano Marittima abbia tutte le carte in regola per gettarsi alle spalle la crisi congiunturale degli anni passati e diventare, in Romagna, la vera locomotiva della ripresa".