Cervia

Domani si chiude il Modulo Fest con Jasss al Woodpecker

Nell'ex discoteca degli anni ’60 immersa nella vegetazione arriva la dj spagnola che da tempo vive a Berlino

Domani si chiude il Modulo Fest con Jasss al Woodpecker
| Altro
N. Commenti 0

16/giugno/2018 - h. 17.50

Si chiude domani, domenica 17 giugno la quarta edizione del Modulo Fest 2018. E anche quest’anno la giornata conclusiva del festival curato dal collettivo Magma con l’obiettivo di riqualificare luoghi simbolo della riviera romagnola tramite musica sperimentale e arte contemporanea approda al Woodpecker, l’ex discoteca degli anni ’60 immersa nella vegetazione.

Nell’anno in cui il bando per la riqualificazione del Woodpecker è stato aggiudicato, prospettando anni di restyle per l’avveniristica architettura progettata negli anni ’60 dall’architetto faentino Filippo Monti, il Modulo Fest offrirà ancora una volta l’opportunità di ammirare - inalterato – un luogo entrato in simbiosi con la natura, nonostante le incursioni umane tra rave party anni ’90 e il graffito dello street artist Blu.

 Domenica 17 giugno il festival si chiude con Jasss. E’ il nome d’arte di Silvia Jiménez Alvarez, Spagnola di nascita ma berlinese di adozione. Silvia nel suo percorso artistico si è avvicinata alla cinematografia più sperimentale grazie alla sua passione per il field-recordings per poi arrivare nel 2015 a vestire i panni da dj con il nome d’arte attuale. Le sue radici della giovinezza punk e hardcore si sono evolute tuffandosi all’interno del mondo industrial, dub e di suoni sperimentali approfondendo da anni la relazione che c’è tra musica e persone.

Per entrare al festival è possibile acquistare un biglietto giornaliero di 10 euro.