Su eBay in vendita un borgo medievale

d Arezzo, acquistabile chiavi in mano, senza nemmeno scomodarsi troppo. 25 case e 8 etteri di terreno: 2,5 milioni di euro

Su eBay in vendita un borgo medievale
| Altro
N. Commenti 0

26/giugno/2012 - h. 11.07

AREZZO - Un intero borgo in Toscana, ad Arezzo, acquistabile chiavi in mano, senza nemmeno scomodarsi troppo. Basta andare su eBay, dove è stato creato un annuncio ad hoc: Borgo medievale disabitato da 50 anni, posto su un altipiano panoramico a mt. 850 slm. Composto da 25 case, completamente da ricostruire. Altre costruzioni agricole per un totale di mq. 5.000. Possibile trasferimento dei volumi e di fare altre nuove costruzioni come tecniche o accessorie, nel rispetto dell’ambiente. Terreno pascolo e seminativo ettari 8. Possibile acquistare altro terreno. Strada carrabile fino a mt. 800 dal borgo. Completamente costruito in pietra e da ristrutturare. Firenze KM. 40, direzione passo della Consuma. Molto vicino all’Eremo di Camaldoli, al castello di Poppi, al santuario della Verna e alla abbazia benedettina della Verna. Il borgo confina con il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, in cui nasce il fiume Arno dal monte Falterona. Prezzo €uro 2.500.000,00 trattabili. Firmato: : agenzia@lpqimmobiliare.it

La storia è quella di un borgo che da cinquant’anni è praticamente fantasma, nessuno ci abita, in pochi lo visitano, le case sono vuote. Dalle immagini-promo su Youtube si vedono scheletri di mattoncini grigi, fessure quadrate che campeggiano come punti luce sugli edifici caratteristici di una Toscana silenziosa e verde. E’ tutto, o quasi da ristrutturare. Da anni i proprietari cercano di vendere, senza esito. Così si sono affidati alla rete. “Il borgo – racconta il sindaco di Stia Luca Santini – è di vari proprietari che abitano in Toscana e che da anni cercano di vendere”. C’è chi dice che negli ultimi mesi si sarebbero presentati negli uffici del comune di Stia alcuni imprenditori interessati a un progetto di recupero per visionare piantine, mappe e tutto ciò che riguarda Pratariccia. “Forse questa volta, grazie alla rete, è davvero quella buona”.