italia/estero

Yue Minjun, la risata nell'arte

L'artista è una sorta di Andy Warhol cinese, le cui facce ridenti, grottesche e caricaturali sembrano strizzare l'occhio ai cartoni animati

Yue Minjun, la risata nell'arte
| Altro
N. Commenti 0

03/dicembre/2012 - h. 16.04

Yue Minjun in patria è una superstar. Una sorta di Andy Warhol cinese, le cui facce ridenti sono riprodotte su tazze e spille: bocche spalancate, occhi chiusi, volti che perdono pian piano le loro caratteristiche individuali per farsi maschere universali. Sono questi i soggetti dipinti e scolpiti dall'artista cinese. In principio erano le facce dei suoi amici e colleghi artisti, nel tempo i ritratti si sono cominciati a fondere nei tratti del suo viso. Grotteschi, caricaturali, sembrano sempre strizzare l'occhio ai cartoni animati.

Quella a cui appartiene Minjun è la generazione degli artisti nati nei primi anni Sessanta. Cresciuto a Daqing, nella provincia di Hei Long Jiang in Cina, comincia come autodidatta per poi frequentare corsi di arte ed entrare negli anni '90 nella comunità di artisti del villaggio di Yuanmingyuan, vicino a Pechino. Nelle sue tele, spesso di grandi dimensioni, i luoghi pubblici rappresentativi della Cina convivono con aerei, dinosauri, uccelli, e l'immaginario collettivo cinese si sposa con riferimenti alla storia dell'arte, per di più europea.

Per la prima grande esposizione in Europa dedicata all'artista, la Fondation Cartier pour l'art contemporain di Parigi ha raccolto circa 40 opere, provenienti da collezioni di tutto il mondo.  In mostra anche una serie di disegni sconosciuti fino ad oggi al grande pubblico. La mostra resterà aperta fino al 17 marzo.