Cattolica

Dopo un decennio di attesa arriva la draga al porto

Martedì inizia a scavare nella darsena interna per aumentare il pescaggio

Dopo un decennio di attesa arriva la draga al porto
| Altro
N. Commenti 0

05/gennaio/2014 - h. 17.28

CATTOLICA - Dentro la calza della Befana i pescatori di Cattolica trovano una draga! Un regalo bello grosso, ma quanto mai atteso. Infatti, da martedì, arriva la draga che inizierà a scavare dentro il porto dove sono ormeggiati i pescherecci. Qui hanno già iniziato a rimuovere i “corpi morti”, ovvero i punti di ancoraggio delle barche presenti. Insomma, si inizia veramente a fare qualche cosa di concreto per risolvere un problema che si può tranquillamente definire “annoso”. Nel ricordare che, invece, la darsena a mare essendo privata ha una sua draga che provvede a mantenere il livello dell’acqua per far entrare e uscire i natanti che hanno lì l’ormeggio, è bene dire che i lavori di dragaggio del fondale del porto peschereccio viene eseguito grazie ai fondi che ha stanziato la Regione Emilia Romagna. 

“In effetti dalla Regione sono arrivati 300mila euro per i lavori interni al porto - precisa l’assessore Leo Cibelli -. Con questi fondi riusciremo a pulire anche la parte terminale del portocanale, dall’imboccatura della darsena interna fino alla foce. Invece, per quanto riguarda la parte a monte del Tavollo, diciamo fino al ponte di via Irma Bandiera, ci siamo attivati e per questo 2014 la Regione ha promesso un ulteriore finanziamento di 100mila euro per i lavori di dragaggio. La Regione, è bene precisarlo, è stata molto attenta nel valutare tutti i problemi che abbiamo fatto presente per quanto riguarda la navigabilità sia di accesso che di stazionamento nel nostro porto. Inoltre da Bologna hanno ben compreso anche il fatto che dietro la navigabilità c’era e c’è il lavoro di tanti pescatori che, sempre più spesso, erano costretti a rischiare la barca per manovrare"

“Il nostro interesse nei confronti dei pescatori non è mai venuto meno, ma ci sono stati dei tempi burocratici che hanno impedito la pulizia del canale e della darsena interna già dallo scorso anno. Infatti il porto canale di Cattolica nasce proprio per andare incontro alle esigenze dei nostri pescatori, che da sempre sono una risorsa per la città. Ora c’è solo da aspettare qualche settimana per vedere i risultati del dragaggio e poi tornare in mare a pescare, e rientrare, senza più preoccupazioni per la navigabilità. Speriamo solo che le opere di dragaggio, dopo un periodo di quasi un decennio di trascuratezza, si ripeta nelle giuste scadenze affinché il pescaggio non sia più un problema per nessuno, pescatori o diportisti che scelgono le nostre darsene”, conclude l’assessore e vicesindaco Leo Cibelli. Ricordiamo, inoltre, come il consigliere Marco Cecchini, della Lega Nord, sia stato quello più attento alle proteste, per la verità molto sottovoce, dei pescatori e che abbia ripetutamente interrogato l’amministrazione sui tempi di arrivo della draga. Per questo un po’ del merito dell’arrivo della draga è, forse, anche suo. (epi)