Romagna

Ancora scosse di terremoto nel Faentino, questa volta più violente: 4 Richter

Dopo il lieve sisma delle 14.50, nuovo evento di alcuni secondi fa tremare la terra alle 17

Ancora scosse di terremoto nel Faentino, questa volta più violente: 4 Richter
| Altro
N. Commenti 0

24/aprile/2015 - h. 17.25

FAENZA - Due minuti dopo le 17 un secondo terremoto ha interessato il cuore della Romagna questo pomeriggio. Dopo il sisma 2.6 Richter registrato a Faenza, nella frazione di Santa Lucia, alle 14.50, un secondo evento tellurico è stato localizzato nella medesima area alle 17.02 ma con magnitudo pari a 4 gradi Richter ed epicentro fissato a 20 chilometri di profondità. Con coordinate di latitudine 44.2283 e longitudine 11.9, il cuore del sisma è stato individuato dall'Ingv in via Salita di Oriolo, poco distante dall'omonima torre.

Il terremoto, della durata di qualche secondo, è stato distintamente avvertito da tutta la popolazione nel raggio di una decina di chilometri, coinvolgendo così anche le prime frazioni della provincia di Forlì. Anche cinque secondi sanno essere eterni se accompagnati da una serie di spinte ondulatorie di intensita significativa per questa zona dell'Italia, non abituata ad importanti eventi sismici.

Pochi minuti dopo, alle 17.11, un'altra scossa è stata rilevata dai sismografi. L'area è sempre quella della frazione di Santa Lucia, l'intensità inferiore: 2.4 Richter.

ORE 14.50: una lieve scossa di terremoto è stata distintamente avvertita nel territorio faentino intorno alle 14.50. Localizzato nella frazione di Santa Lucia, nelle prime colline sul confine con la provincia di Forlì, l'epicentro è stato individuato a circa 22 chilometri di profondità. I sismografi dell'Ingv ne hanno calcolato la magnitudo in 2.6 gradi Richter.
Con latitudine 44,251 e longitudine 11,903, il cuore del sisma è individuato esattamente sotto il tracciato della strada provinciale 73, a metà strada tra gli incroci con le vie San Mamante e Pozzo.

fto