Stefano Cucchi: un carabiniere sotto inchiesta

E’ indagato per falsa testimonianza dalla Procura. La famiglia: Ci avviciniamo alla verità

Stefano Cucchi: un carabiniere sotto inchiesta
| Altro
N. Commenti 0

10/settembre/2015 - h. 14.27

"Oggi sento di poter tornare ad avere fiducia". Lo ha dichiarato a Rai News24 Ilaria Cucchi, sorella di Stefano il ragazzo morto nel 2009 in circostanze mai del tutto chiarite. "Grazie al lavoro della procura di Roma - spiega Ilaria - ho la sensazione che si stia arrivando, seppur dopo sei anni, alla verità su mio fratello. Lunedì - conclude - io e il mio avvocato incontreremo il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone".

Ciò che rende più ottimista la famiglia sono le contraddizioni che stanno emergendo dalle nuove indagini della Procura. Stefano Cucchi sarebbe stato picchiato, non solo in carcere ma anche dai carabinieri che lo avevano in custodia. Per questo motivo Roberto Mandolini, ex vicecomandante dei carabinieri della stazione di Tor Sapienza dove Cucchi fu portato dopo l’arresto nel 2009, è indagato per falsa testimonianza. La deposizione di Mandolini non coincide con i fatti accertati dal pm e la Procura potrebbe iscrivere nel registro degli indagati per lesioni colpose anche altri due militari, Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro. Ilaria Sacchettoni sul Corriere della Sera scrive che secondo i risultati del processo Cucchi è stato picchiato più volte tra il momento dell’arresto e la detenzione in carcere.