Ora legale

L’ora legale scatta stanotte

Alle 2 si dovranno portare gli orologi avanti di un'ora: si dormirà un'ora in meno ma farà buio più tardi

L’ora legale scatta stanotte
| Altro
N. Commenti 0

25/marzo/2017 - h. 19.40

Alle 2 di questa notte scatterà l’ora legale, e da quel momento bisognerà spostare gli orologi un’ora avanti: di conseguenza, si dormirà un’ora in meno. 
Fatelo prima di andare a dormire se non avete orologi che provvedono da soli, altrimenti se svete puntato la vostra sveglia di domenica per le 8, quando vi alzerete saranno già le 9.
Dal 1966 al 1980 l’ora legale restò in vigore per quattro mesi all’anno (da maggio a settembre). È dal 1981 che ha cominciato a essere introdotta l’ultima domenica di marzo. L’ultima modifica ai tempi dell’ora legale risale al 1996: da allora il passaggio dall’ora solare a quella legale avviene con uguali tempi (fusi orari a parte) e modalità tra tutti gli stati dell’Unione Europea.
Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, stima un minor consumo di energia elettrica pari a circa 555 milioni di kilowattora, quantitativo corrispondente al fabbisogno medio annuo di circa 200mila famiglie. Considerando che un kilowattora costa in media al cliente domestico tipo circa 18,63 centesimi di euro al lordo delle imposte, la stima del risparmio economico per il sistema relativo al minor consumo elettrico nel periodo di ora legale per il 2017 è pari a 104 milioni di euro. 
Alle 2 di questa notte scatterà l’ora legale, e da quel momento bisognerà spostare gli orologi un’ora avanti: di conseguenza, si dormirà un’ora in meno. Fatelo prima di andare a dormire se non avete orologi che provvedono da soli, altrimenti se svete puntato la vostra sveglia di domenica per le 8, quando vi alzerete saranno già le 9.

Dal 1966 al 1980 l’ora legale restò in vigore per quattro mesi all’anno (da maggio a settembre). È dal 1981 che ha cominciato a essere introdotta l’ultima domenica di marzo. L’ultima modifica ai tempi dell’ora legale risale al 1996: da allora il passaggio dall’ora solare a quella legale avviene con uguali tempi (fusi orari a parte) e modalità tra tutti gli stati dell’Unione Europea.

Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale, stima un minor consumo di energia elettrica pari a circa 555 milioni di kilowattora, quantitativo corrispondente al fabbisogno medio annuo di circa 200mila famiglie. Considerando che un kilowattora costa in media al cliente domestico tipo circa 18,63 centesimi di euro al lordo delle imposte, la stima del risparmio economico per il sistema relativo al minor consumo elettrico nel periodo di ora legale per il 2017 è pari a 104 milioni di euro.