Cesena

Rocca Malatestiana, si cerca il nuovo gestore

Pubblicato il bando comunale: all'"asta" la gestione per 7 anni. Ora possono possono partecipare anche operatori economici stranieri

Rocca Malatestiana
| Altro
N. Commenti 0

26/gennaio/2018 - h. 16.25

CESENA - E’ stato pubblicato questa mattina il bando per la concessione del servizio di gestione della Rocca Malatestiana di Cesena e del Parco della Rimembranza per i prossimi sette anni (a partire dal 17 settembre 2018). E proprio la durata – allungata di due anni rispetto ai 5 dell’attuale affidamento – è una delle novità introdotte rispetto alla precedente gara, svoltasi nel 2012 e conclusasi con l’affidamento del servizio a un gruppo di associazioni di promozione sociale con Aidoru Associazione come capofila. Ma la novità più significativa è rappresentata dai soggetti a cui il bando è rivolto. Fino al 2012, infatti, la partecipazione era riservata alle Associazioni di Promozione Sociale iscritte al Registro provinciale di Forlì-Cesena o Comunale di Cesena. Questa volta, invece, possono partecipare operatori economici - non solo italiani, ma anche dell’Unione Europea -, in forma singola e associata, purchè siano in possesso dei requisiti richiesti: oltre a quelli generali (assenza di cause di esclusione dall’appalto; iscrizione alla Camera di Commercio; ecc) è richiesta una specifica esperienza in materia di gestione di servizi culturali o museali, svolta per conto di enti pubblici o privati, che abbia prodotto un importo di almeno 300mila euro nel periodo 2014-2017. I partecipanti avranno tempo fino al 29 marzo per presentare le loro offerte, che dovranno articolarsi in una proposta economica e una tecnica. Nella proposta economica si dovrà indicare il ribasso percentuale offerto sul corrispettivo di gestione annuo previsto a carico del Comune a favore del Concessionario, quantificato in 40.900,00 euro (iva esclusa). Per quanto riguarda la parte tecnica, invece, si richiede di presentare un dettagliato progetto gestionale e di valorizzazione turistica e culturale sia per quanto riguarda il complesso della Rocca Malatestiana (di cui fanno parte il Torrione Maschio, il Torrione Femmina, gli spalti, i camminamenti interni, la Casa del Custode, ma anche il Rifugio antiaereo di viale Mazzoni), sia il Parco della Rimembranza e lo Sferisterio. Fra gli aspetti che dovranno essere indicati nel progetto: l’organizzazione del servizio; il programma degli eventi, delle iniziative culturali e di quelle ricreative che si prevede di organizzare per la durata della concessione; il piano di marketing e comunicazione; le caratteristiche pensate per il Punto ristoro; eventuali accordi di parnership. Particolare attenzione sarà riservata anche alle caratteristiche tecnico-professionali dell’operatore economico, che saranno valutate attraverso l’analisi dei curricula del coordinatore del servizio e degli altri operatori proposti. Nella valutazione delle offerte la parte più rilevante sarà proprio la proposta tecnica, che peserà per il 70% sul punteggio complessivo a disposizione. Non solo: in caso di parità la concessione verrà aggiudicata al concorrente che avrà conseguito il maggior punteggio per il criterio "qualità del progetto di gestione" (per il quale è previsto un massimo di 30 punti). “La richiesta di un’offerta così articolata – specificano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore alla Cultura e Turismo Christian Castorri – deriva dalla volontà di individuare proposte all’altezza, soprattutto da un punto di vista qualitativo. Non poteva essere diversamente, dal momento che Rocca Malatestiana è uno dei luoghi simbolo della cultura cesenate, e offre uno straordinario spazio ricco di potenzialità. L’attuale bando rappresenta un ulteriore passo avanti sulla strada già intrapresa in passato, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare ulteriormente non solo la fortezza, carica di storia e di indubbio fascino, ma anche il Parco della Rimembranza, in modo che sviluppino pienamente il loro ruolo attrattivo, non solo per i cesenati, ma anche per i turisti”. Il bando, comprensivo degli allegati, è consultabile sul sito dell’Unione Valle Savio http://unionevallesavio.it. Eventuali richieste di chiarimento formulate in forma scritta dovranno pervenire tassativamente entro il giorno 15 marzo 2018 ore 13.00 all’indirizzo mail: appaltisua@unionevallesavio.it.