Cesena

Il Comune ha abbassato la Tari: riduzione sia per le famiglie sia per le imprese

Flessione fino al tre per cento. Delibera approvata in giunta, poi si pronuncerà il consiglio comunale

Il Comune ha abbassato la Tari: riduzione sia per le famiglie sia per le imprese
| Altro
N. Commenti 0

08/febbraio/2018 - h. 19.27

Nel 2018 i cesenati pagheranno una Tari più leggera. Merito della riduzione complessiva dei costi per la copertura del servizio di gestione dei rifiuti urbani, scesi dell’1,63%, passando dai 16 milioni e 241.053,13 euro del 2017 ai 15 milioni e 976.054,30 euro di quest’anno. Sulla base di tale cifra sono state calcolate le nuove tariffe più convenienti sia per cittadini che per le imprese, con una diminuzione che potrà oscillare fra il 2,40% e il 3,00% circa. 

Ma vediamo come si tradurranno in pratica le nuove tariffe appena approvate e che si cominceranno a pagare dal prossimo 31 maggio, quando scadrà la prima delle tre rate previste. Solo per fare un esempio, un’utenza domestica di mq. 100 e abitata da 3 componenti: nel 2018 pagherà Euro 255,83, con una diminuzione del -2,81% rispetto al 2017 quando ha pagato 263,22 (al netto dell'addizionale provinciale). Analogamente, un’utenza domestica di mq. 100 e abitata da 4 componenti quest’anno vedrà diminuire la Tari del 2,43%, passando dai 282,82 euro del 2017 (al netto dell'addizionale Provinciale) ai 275,96 euro del 2018.

La relativa delibera ha ricevuto questa mattina il nulla osta della Giunta comunale e sarà sottoposta al Consiglio comunale nella seduta del 22 febbraio. Nello stesso Consiglio sarà votata anche l’altra proposta di delibera approvata oggi, che introduce alcune modifiche al regolamento per l’applicazione della Tari, con l’obiettivo di uniformare le prescrizioni in materia dei sei Comuni dell’Unione Valle Savio e approdare così a un trattamento omogeneo per tutti i contribuenti dell’Unione.

“Non capita tutti i giorni di abbassare un tributo – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi, il Vicesindaco Carlo Battistini e l’Assessora all’Ambiente Francesca Lucchi – e siamo davvero soddisfatti di poter adottare questo provvedimento. In questo modo andiamo a cogliere i primi frutti di quel percorso virtuoso che abbiamo intrapreso negli anni passati con l’avvio e la progressiva estensione del porta a porta e un più specifico impegno per l’incremento della raccolta differenziata. Un percorso che nella sua prima fase si è tradotto in maggiori incombenze per i cittadini, andando a modificare comportamenti e abitudini consolidati nel tempo. Ma nonostante ciò, la maggior parte dei cesenati ha aderito con convinzione al nuovo sistema, e ha permesso così di raggiungere traguardi importanti. Ora, anche grazie a questi risultati, per i quali sappiamo di dover ringraziare i cittadini  cesenati ma anche la struttura tecnica del Comune, possiamo alleggerire il peso della Tari e, in prospettiva, contiamo di accentuare ulteriormente questo vantaggio, una volta conclusa la gara europea appena partita per il nuovo affidamento del servizio. Già oggi Cesena, tra i grandi Comuni della nostra Regione, è quello con la pressione tributaria più bassa e questo ulteriore taglio tariffario rafforza una posizione della quale siamo orgogliosi.”.

 “Ma c’è un altro aspetto che ci preme rimarcare – proseguono Sindaco e Assessori -. Fra gli elementi che hanno consentito la riduzione complessiva del tributo  c’è, infatti, la costante attività di recupero di evasione attuata in questi anni, che non solo ha permesso di recuperare quote significative, ma ha anche determinato l'aumento della base imponibile conseguente, creando le condizioni per la riduzione della tariffa per famiglie e imprese”.