Santarcangelo

Lavoro nero, sigilli al centro massaggi cinese

Operazione dei carabinieri: chiuso negozio privo di autorizzazioni, denunciata la titolare

centro massaggi

Sigilli al centro massaggi orientale

| Altro
N. Commenti 0

15/febbraio/2018 - h. 12.14

SANTARCANGELO - I Carabinieri della Stazione di Santarcangelo di Romagna, con il supporto di una squadra dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Bologna e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Rimini, si sono presentati presso un centro massaggi del paese per effettuare un accurato controllo finalizzato a verificare il rispetto delle normative igienico sanitarie nonché della legislazione e sull’impiego dei lavoratori e sulla sicurezza suoi luoghi del lavoro. L’ispezione è terminata nel primo pomeriggio quando i militari hanno sottoposto a sequestro amministrativo la struttura. La titolare, una donna 32enne di origini cinesi, residente nel comune di Verucchio è stata denunciata per aver impiegato in nero una giovane connazionale, entrata clandestinamente in Italia. Contestate anche quattro violazioni amministrative per un importo complessivo di 6 mila euro circa per violazioni sulla normativa igienico sanitaria. Il centro, inoltre, era privo di autorizzazione all'apertura e non poteva svolgere l'attività dato che non era presente alcuna lavoratrice in possesso di specifica qualifica professionale. La dipendente in nero, clandestina, al termine degli accertamenti del caso è stata accompagnata presso un Centro di Identificazione ed Espulsione di Roma.