Maltempo

Alzata l'allerta meteo: "Livello arancione". Agricoltori preoccupati per il gelo

Ancora pioggia nella giornata di venerdì 23 febbraio. Temperature in calo a partire da domenica: le gelate mettono a rischio gli alberi da frutto

Alzata l'allerta meteo: "Livello arancione". Agricoltori preoccupati per il gelo
| Altro
N. Commenti 0

22/febbraio/2018 - h. 13.13

ROMAGNA - La pioggia e il vento saranno ancora protagonisti nella giornata di domani, venerdì 23 febbraio, tanto che la Protezione Civile ha alzato l’allerta per tutta la Romagna portandola da “gialla” ad “arancione”. Vento, criticità idrauliche (rischio frane o allagamenti): questi gli eventi a cui si dovrà fare più attenzione. Allerta “gialla” sugli Appennini causata dalla neve. Per ora le temperature non preoccupano: il drastico calo dovuto al flusso d’aria gelida siberiana è atteso per la prossima settimana. 

A questo proposito, sono molto preoccupati gli agricoltori: “La neve - scrive la Coldiretti regionale - è necessaria per l’agricoltura dell’Emilia Romagna, ma il repentino abbassamento delle temperature mette a rischio alberi da frutta e ortaggi”. Le temperature delle ultime settimane sono state sistematicamente molto superiori alla norma, in particolare le massime che a metà gennaio sono state più alte di 9-10 gradi rispetto alla norma. 


“Il tepore quasi primaverile ha provocato in alcuni casi un risveglio vegetativo delle piante da frutto (dalle albicocche ai ciliegi, dalle pesche alle pere), che in alcune zone sono già con le gemme gonfie, che in caso di gelate potrebbero subire danni. Situazione analoga per i seminativi, in particolare per le barbabietole seminate da qualche settimana, che sono già in germinazione. Preoccupazione anche per gli ortaggi invernali come cavoli, verze, cicorie e broccoli”. Su tutta la Regione “sono intanto stati allertati e in alcuni territori sono già in funzione i trattori agricoli impegnati come spazzaneve per tenere pulite le strade e consentire una circolazione più sicura, evitando l’isolamento di case sparse e di aziende agricole”.