San Piero in Bagno

Niente multa e scattava il 'regalino': verso il patteggiamento ex vertici della Polstrada

Il caso era emerso nel 2016. Ditte di trasporti esentate da controlli e contravvenzioni in cambio di favori, omaggi e denaro

Polstrada
| Altro
N. Commenti 0

05/aprile/2018 - h. 17.00

CESENA - Si va verso il patteggiamento nell'ambito del procedimento in corso a Forlì nei confronti degli ex vertici della Polizia Stradale di San Piero in Bagno. Il 18 aprile prossimo il Gup dovrà esprimersi in merito alla richiesta di patteggiamento avanzata dall'ex comandante e dal suo vice accusati, a vario titolo, di corruzione, concussione e truffa ai danni dello Stato. Il caso era scoppiato nel 2016 quando emerse il presunto trattamento di favore da parte della Polstrada locale, che ha competenza sul tratto dell'E45, nei confronti di alcune ditte di trasporti. Ma il 'favore', che consisteva nel chiudere un occhio verso tali ditte, esentate da controlli e multe, non era affatto disinteressato. In cambio, infatti, gli ex vertici della Polizia Stradale avrebbero ottenuto regali, cene, generi alimentari e anche denaro. Come riporta la stampa locale, ieri si è svolta la seconda parte dell'udienza preliminare e davanti al Gip l'ex comandante della Sottosezione Massimo Bragagni e l'ex vice comandante, Tiziano Bucherini hanno chiesto di patteggiare rispettivamente 2 anni e 9 mesi di reclusione e 3 anni. Il pubblico ministero ha ritenuto congrue le richieste di patteggiamento, ora l'ultima parola spetta al giudice.