Riccione

Carabinieri e unità cinofile della Municipale setacciano le ex colonie abbandonate

Identificati 5 romeni che vi vivevano in condizioni igieniche precarie. L'assessore: "Con questa operazione diamo il là alla riqualificazione e alla trasformazione delle aree in parcheggi a servizio della località"

Carabinieri e unità cinofile della Municipale setacciano le ex colonie abbandonate

I controlli nelle ex colonie della zona Marano

| Altro
N. Commenti 0

12/aprile/2018 - h. 15.03

RICCIONE - I carabinieri di Riccione in collaborazione con personale del corpo intercomunale di Polizia Municipale munito di unità cinofile hanno setacciato e messo in sicurezza le ex colonie in stato di abbandono “Casa del bimbo”, “Giovanni XXIII” e “Serenella”, in zona Marano. Sono stati identificati cinque soggetti di nazionalità rumena che occupavano alcuni locali vivendo in pessime condizioni igienico sanitarie. “Finalmente, dopo decenni di incuria, questa amministrazione interviene in maniera tangibile e concreta per trasformare un’area problematica sul versante del decoro e della sicurezza in una opportunità per tutta la città. Ringrazio tutte le nostre forze dell’ordine - afferma l’assessore alla Polizia Municipale Elena Raffaelli - ora gli interventi proseguiranno perché, visto il reiterarsi delle occupazioni abusive, occorre perseverare. Ecco dunque che con l’operazione odierna - prosegue l'assessore - sono partiti anche gli interventi di chiusura, pulizia e messa in sicurezza delle aree interessate. Da oggi le zone esterne di queste ex colonie verranno ripulite per dare avvio e mantenere nel tempo una prima riqualificazione. Un primo passo come amministrazione che consideriamo determinante sui fronti della sicurezza, del decoro e di un uso ottimale per gli albergatori della zona". Le aree esterne delle ex colonie Pio XII e Casa del Bimbo, di proprietà privata e il parcheggio in piazzale Pratolini/via Manfroni di fronte al locale Yellow Factory, verranno ripulite con la rimozione di ogni segno di bivacco o degrado, sistemate con la rimozione degli arbusti in eccesso, dotate di telecamere di sorveglianza attive 24 ore su 24, impianti di illuminazione nella facciate esterne degli edifici, di cancelli automatici e di adeguata segnaletica. Passo indispensabile per dare il via al progetto “Riccione Parks” che permetterà a diversi albergatori riccionesi di usufruire di parcheggi custoditi per la propria clientela. A questi si affiancherà un servizio di navette stagionale aperto ininterrottamente dalla fine di maggio a settembre.  Alle parole di apprezzamento dell'assessore risponde il Comandante della Compagnia carabinieri di Riccione Marco Califano: “Restituire questi luoghi ai riccionesi e prima ancora alla legalità è un compito ormai divenuto indifferibile, e l’Arma di Riccione è lieta di poter contribuire, come sempre, in prima linea ed a fianco alla amministrazione comunale con le proprie quotidiane attività di prevenzione sul territorio, svolte molto spesso in collaborazione e sempre in piena sintonia con i colleghi della Polizia Intercomunale di Riccione, Coriano e Misano Adriatico”.