Calcio

Delirio Rimini: una magia di Ambrosini regala la serie C

Il club biancorosso supera il Romagna Centro è torna in Lega Pro a soli due anni dal fallimento

Delirio Rimini: una magia di Ambrosini regala la serie C

La festa del Rimini (foto dal profilo Instagram Rimini Football Club)

| Altro
N. Commenti 0

15/aprile/2018 - h. 20.14


RIMINI-ROMAGNA CENTRO 3-2

IL TABELLINO
RIMINI: Scotti, Brighi, Variola, Simoncelli (34′ st Capellupo), Cicarevic (25′ st Ambrosini), Petti, Arlotti (39′ st Albini), Viti (18′ st Pasquini), Montanari (6′ st Righini), Traini, Mazzavillani. A disp.: Rapisarda, Romagnoli, Vesi,  D’Addario. All. Righetti.

ROMAGNA CENTRO: Sarini, Zamagni (38′ st Braccini), Lo Russo, Campagna, Gabrielli, Brunetti, Bagatti, Tola, Cecconi, Gasperoni (17′ st Cortesi), Casadei (18′ st Pierfederici). A disp.: Bonazza, Pompei, Rossi, Enchisi, Gori, Corvino Panfilo. All. Campedelli.

ARBITRO: Del Rio di Reggio Emilia.
ASSISTENTI: Caviano di Bolona e Cravotta di Città di Castello.

RETI: 16′ pt Traini, 27′ pt Simoncelli, 33′ pt Cecconi, 22′ st Pierfederici, 33′ st Ambrosini.

AMMONITI: Montanari, Simoncelli.

NOTE. Spettatori: 3.197. Corner: 7-2.

Festa Rimini: la vittoria per 3-2 sul Romanga regala la serie C ai biancorossi che tornano in Lega Pro. L'ultima volta che il Rimini aveva giocato in questa categoria era la stagione 2015-2016, poi la retrocessione e il fallimento. Ripartito dall'Eccellenza, in soli due anni il Rimini è risalito e ora sarà serie C. La vittoria contro il Romagna non era scontata: la squadra rivelazione del camionato, con 50 punti. La sconfitta contestuale dell'Imolese (2-1 contro la Pianese) permette di far festa. 

Le danze le apre Traini: Simoncelli mete al centro, il numero 88 insacca di testa. Proprio Simoncelli raddoppia dieci minuti dopo: dall'angolo sinistro dell'area parte un tiro che si infila sotto l'incrocio, imparabile. Il Romagna non ci sta è al 33' accorcia. Segna l'ex: Cecconi di testa. Il mondo sembra crollare al 22' del secondo tempo quando Pierfederici pareggia. Il Neri viene giù però al 33' grazie alla magia di Ambrosini: a centro area controllo di petto spalle alla porta, controllo per girarsi e botta dal limite. Tre tocchi, tutti al volo, che regalano la serie C al Rimini.