Casola Valsenio

Ruba i soldi dell'assegno alla madre, poi accusa il cassiere della banca

Denunciato per tentata rapina e calunnia aggravata un 59enne. Pretendeva di re-incassare i soldi

Ruba i soldi dell'assegno alla madre, poi accusa il cassiere della banca
| Altro
N. Commenti 0

15/aprile/2018 - h. 21.03

Prima ha rubato i soldi di un assegno della madre, poi ha accusato il cassiere della banca, arrivando a denunciarlo. Così è finito nei guai un 59enne di Casola Valsenio. I carabinieri ai quali si era rivolto hanno capito che qualcosa non quadrava. La vicenda risale alla fine dello scorso anno ma le indagini si sono concluse solo qualche giorno fa. 
Il 59enne, già noto alle forze dell'ordine, dopo aver incassato un assegno di 300 euro che l'anziana madre gli aveva chiesto di cambiare si è presentato di nuovo allo sportello accudando l'impiegato di essersi appropriato del titolo di credito senza dagli i contanti. Per costringere il cassiere a dargli i 300 euro, il 59enne ha minacciato più volte di denunciarlo ma la cosa non ha sortito effetto. A quel punto si è presentato davvero dai carabinieri pretendendo, nonostante l'Arma abbia tentato di farlo ragionare, di sporgere querela contro il bancario. Partite le indagini i carabinieri hanno sentito il cassiere e il responsabile di filiale e, naturalmente, tutto è risultato in regola. Infatti è stata acquisita anche la firma del 59enne che attestava la ricevuta dei soldi. 
Acquisite le prove, i carabinieri hanno denunciato il 59enne per tentata rapina e calunnia aggravata che, a sua volta, lo ha quereleato. Secondo i carabinieri lo sconsiderato piano serviva a giustificarsi con la madre di cui, con ogni probabilità, si era intascato i soldi.