Ravenna

I miti del calcio in mostra a Palazzo Rasponi

Da domani in esposizione cimeli legati al football: dai manifesti alle fotografie, dai ricordi del “Grande Torino” e dai mondiali degli anni Cinquanta fino agli anni Ottanta

calcio
| Altro
N. Commenti 0

24/maggio/2018 - h. 16.28

RAVENNA - “Il grande calcio nel passato” è il tema della mostra che si terrà da domani, venerdì 25 a domenica 27 maggio a Palazzo Rasponi dalle Teste organizzata dalla Federazione italiana collezionisti materiale calcio (Ficmc), con la collaborazione del Comune attraverso gli assessorati allo Sport e alla Cultura e Ravenna football club. Domani, venerdì 25, alle 10.30 è prevista l’inaugurazione cui interverrà l’assessore allo Sport Roberto Fagnani. Si tratta di un’esposizione di cimeli legati al gioco del calcio di varia natura: dai manifesti alle fotografie, dalla filatelia alle medaglie e ai gagliardetti, dagli adesivi agli stemmi ricamati d’epoca fino alle figurine per un periodo che va, partendo dai ricordi del “Grande Torino” e dai mondiali degli anni Cinquanta fino agli anni Ottanta. “Gli appassionati del calcio – afferma l’assessore Fagnani - non potranno mancare questo viaggio sentimentale in quello che indubbiamente è lo sport più popolare. Ma la mostra è per tutti dal momento che, attraversando la storia del calcio, anche mondiale, ma soprattutto italiano, è possibile ripercorrere la storia della nostra nazione: ogni evento sportivo è infatti ricollegabile a un preciso momento storico nella memoria di chi c’era e lo ha vissuto”. La rassegna, già esposta a Torino, nella sede del Lingotto, in occasione del primo salone del calcio in Italia voluto dall’avvocato Agnelli, è stata negli anni presentata, tra gli altri, a Forte dei Marmi, Bellinzona, Varazze, Firenze, Verbania, Pallanza. Tra i numerosi oggetti di rilievo in mostra un frammento dell’aereo G-212 I-Elce precipitato a Superga che aveva a bordo la squadra del Torino, la maglia originale della Nazionale italiana a cavallo degli anni settanta, il gagliardetto dell’Inter campione del mondo del 1964, la bandierina dei giocatori brasiliani per i mondiali di Messico 1970, vari ricordi legati ai vittoriosi mondiali di calcio di Spagna del 1982. La mostra è nata da un’idea di Gian Claudio Bruno, che nel 1979 fu il primo presidente della neonata Ficmc. Appassionato e cultore della memoria storica del calcio, Bruno si dedica da sempre al collezionismo dello sport del calcio in maniera ampia e generalizzata e perciò in grado di assecondare le aspettative di tanti appassionati. La mostra sarà aperta al pubblico al venerdì dalle 15 alle 18; sabato e domenica dalle 11 alle 18.