Imola

La lotta contro le slot machine finisce davanti ai giudici

Quattro ricorsi contro la regola delle aree 'slot-free' introdotta dalla Regione e attuata dal Comune

slot
| Altro
N. Commenti 0

25/maggio/2018 - h. 18.09

IMOLA - Commercianti ed esercenti contro il regolamento anti-slot, l'atto del Comune che vieta la presenza delle macchinette in attività situate entro 500 metri dai cosiddetti "luoghi sensibili". All'inizio di quest'anno il Comune ha mappato il territorio individuando le aree 'slot-free', quelle dalle quali dovrebbero sparire progressivamente le macchinette da gioco perché a meno di 500 metri dai luoghi sensibili, definiti dalla Regione in scuole, ospedali, chiese, impianti sportivi, ritrovi di giovani. A Imola, secondo la mappatura dell'amministrazione, i siti sensibili sarebbero 268. Quattro invece - come riporta il Carlino - i ricorsi sul tavolo del Comune (e altrettanti su quello della Regione), presentati dai gestori di locali con al loro interno slot machine e videolottery. In questi mesi, infatti, il Comune ha dato corso alla seconda fase di attuazione della delibera regionale, comunicando ai titolari dei locali che ospitano slot, a meno di 500 metri dai luoghi sensibili, l'obbligo di dismettere le macchinette e il divieto di installazione di nuovi apparecchi. Da qui, i ricorsi.