Ravenna

Camionista minaccia con coltello padre e figlio, arrestato

Dopo diverbio lungo l'Adriatica il conducente del mezzo pesante ha estratto la lama per poi fuggire in direzione porto. Bloccato e arrestato dalla polizia

Camionista minaccia con coltello padre e figlio, arrestato

Il coltellaccio sequestrato al 37enne romeno

| Altro
N. Commenti 0

26/maggio/2018 - h. 11.49

RAVENNA - Da un banale diverbio stradale, alle minacce gravi con tanto di coltellaccio mostrato con fare intimidatorio a padre e figlio, colpevoli a suo dire di averlo mandato a quel paese. Protagonista dell'episodio, avvenuto ieri mattina, un camionista romeno di 37 anni. L'uomo è stato bloccato e arrestato dalla Polizia con le accuse di violenza privata, minaccia grave e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere. Ad allertare le forze dell'ordine l'automobilista che viaggiava in compagnia del figlio lungo la Statale 16 con direzione Ravenna-Rimini. L'uomo si è visto bloccare la strada da un autotreno dal quale è sceso il 37enne armato di coltello che, intimandogli di scendere dal veicolo, l'avrebbe poi minacciato di morte. Vedendo che l’automobilista impugnava il cellulare per chiamare la polizia, il camionista è risalito a bordo e ha riavviato la marcia. Il conducente dell’auto ed il passeggero hanno iniziato ad inseguire l’autoarticolato indicando alla polizia la posizione del camionista che è stato bloccato, poco dopo, dagli equipaggi delle Volanti e dall’Unità Operativa di Primo Intervento dopo che lo stesso aveva imboccato la Classicana in direzione del Porto San Vitale. Il conducente del mezzo è stato fermato e condotto in Questura; la perquisizione della cabina del veicolo ha portano al rinvenimento e sequestro del coltello utilizzato per minacciare i due automobilisti che il camionista aveva occultato all’interno del frigorifero del mezzo pesante. Considerata la gravità dell’episodio e la pericolosità dimostrata dall'uomo, gli operatori delle Volanti, espletate le formalità di legge, lo hanno dichiarato in arresto ed associato, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto, alla Casa Circondariale di Ravenna.