Il progetto

Un nuovo 'parco marittimo' per Ravenna

Presentata la proposta vincitrice del concorso per la riqualificazione delle fasce retrodunali gli stabilimenti balneari e dei relativi stradelli di accesso

Un nuovo 'parco marittimo' per Ravenna

Un render per la riqualificazione della piallassa

| Altro
N. Commenti 0

29/maggio/2018 - h. 14.53

RAVENNA - La proposta progettuale “Parco marittimo”, vincitrice del concorso di progettazione per la riqualificazione delle fasce retrodunali gli stabilimenti balneari e dei relativi stradelli di accesso, è stata presentata questa mattina in municipio. Il gruppo autore della proposta è composto da Agence TER (capogruppo), Paisà Architettura del paesaggio Stignani Associati s.r.l. (mandante), Studio Tassinari e Associati (mandante) e Studio M - s.t.a. Studio Tecnico Associato (mandante). Sono tra gli altri intervenuti il sindaco Michele de Pascale, l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Fagnani, Henri Bava per conto di Agence TER, Antonio Stignani per conto Paisà Architettura del paesaggio Stignani Associati s.r.l. Il Comune ha già provveduto all’aggiudicazione definitiva del concorso e quindi all'affidamento dell'incarico per perfezionare il progetto preliminare. L'intervento complessivo è articolato in tre stralci e seguiranno l'affidamento delle successive fasi di progettazione (progetto definitivo e progetto esecutivo) relativamente ai vari stralci. Nel piano degli investimenti sono già previsti i tre stralci: - Riqualificazione accessibilità e aree retrostanti agli stabilimenti balneari dei lidi del Comune di Ravenna primo stralcio (Marina di Ravenna e Punta Marina): €. 5.300.000 anno 2019 - Riqualificazione accessibilità e aree retrostanti agli stabilimenti balneari dei lidi del Comune di Ravenna secondo stralcio (Lido Adriano - Lido di Dante - Lido di Classe - Lido di Savio): €. 3.900.000 anno 2020 - Riqualificazione accessibilità e aree retrostanti agli stabilimenti balneari dei lidi del Comune di Ravenna terzo stralcio (Casalborsetti - Marina Romea - Porto Corsini): €. 3.900.000. Il primo stralcio potrebbe partire nel 2020.