MotoGp

Gran Premio d'Italia, vince Lorenzo davanti a Dovizioso e Rossi

Doppietta Ducati, con il forlivese autore di una bella gara, superato soltanto dal compagno di squadra

Gran Premio d'Italia, vince Lorenzo davanti a Dovizioso e Rossi

Andrea Dovizioso

| Altro
N. Commenti 0

03/giugno/2018 - h. 17.03

Solo il compagno di squadra è riuscito a stare davanti ad Andrea Dovizioso che oggi correva praticamente in casa. Il forlivese si è piazzato secondo dietro Jorge Lorenzo, per una bella doppieta della Ducati che ha vinto il MotoGp al Mugello. La casa di Borgo Panigale piazza due piloti davanti alla Yamaha di Valentino Rossi. Quarto posto per Andrea Iannone sulla Suzuki. Insomma, la festa italiana è stata "rovinata" soltanto dai colori spagnoli di Lorenzo che ha dominato, distanziando Dovizioso di sei secondi. Colpo di scena al quarto giro, quando Marc Marquez, leade mondiale, è scivolato sulla ghiaia dopo essere arrivato lungo sulla stattacada della curca Correntaio. 

"Molti dicevano che avevo un metodo sbagliato nella mia guida, ma quando la Ducati mi ha dato un nuovo serbatoio ho sentito subito un buon feeling. Vincere qui con Ducati è come un sogno", ha detto Lorenzo. Così Dovizioso a Sky: “Oggi portare a casa questi punti era la priorità. Abbiamo sbagliato la scelta della gomma davanti, in prova sembrava che la media fosse un problema sulla durata gara e abbiamo messo la dura. Non siamo dunque riusciti a spingere perché mancava il grip, non potevo tenere il passo di Jorge. Faccio i complimenti a Lorenzo ma è un peccato perché potevamo giocarcela. Con lo 0 di Marquez questi 20 punti migliorano la situazione in campionato. In tre gare abbiamo portato a casa solo 20 punti ma potevamo vincerne tutte e tre, quindi dobbiamo continuare a lavorare per migliorarci“.

"Finire qui fra i primi tre è veramente speciale: vale la pena correre tutto l'anno per salire sul podio del Mugello". Così Valentino Rossi che definisce quella del Mugello una "delle gare più difficili dell'anno, ed è stata cruciale la pole di ieri. C'è stato un momento della gara in cui ho sofferto tanto. Quando Iannone mi ha attaccato (per il terzo posto n.d.r.) ho pensato a tutti gli sforzi che avevo fatto in settimana e mi sono detto che non mi sarei fatto fregare. Ora sono molto contento, non pensavo che sarei stato secondo in classifica del campionato dopo il Mugello".