Sanità

Infermieri, arriva il primo concorso targato Ausl Romagna

Dal 2010 non si vedevano selezioni per posti a tempo indeterminato. Dopo le polemiche per i tanti precari in corsia, l'azienda ora vira verso le stabilizzazioni

Infermieri, arriva il primo concorso targato Ausl Romagna
| Altro
N. Commenti 0

09/giugno/2018 - h. 10.42

Molto atteso dai sindacati e precari, arriva il concorso Ausl per l'assunzione di cinque infermieri a tempo indeterminato. La data non c'è ancora (bisognerà attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale per saperla) ma l'atto è stato deliberato a fine maggio dall'Ausl Romagna. Dal concorso uscirà una graduatoria a scorrimento nella quale saranno via via assunti gli infermieri che entraranno negli ospedali e nelle altre strutture sanitarie pubbliche della Romagna con l'agognato contratto a tempo indeterminato. 

Fino al 2010 i concorsi per infermieri erano, più o meno, la regola. Poi di concorsi per avere un tempo indeterminato negli ospedali non se ne sono più visti, non solo in Romagna ma un po' ovunque in Italia. Negli ultimi due anni, però le aziende sanitarie sono tornate ad assumere. Otto anni senza contratti a tempo indeterminato hanno tuttavia lasciato il segno: più volte i sindacati hanno stigmatizzato l'utilizzo di precari, con il contratto a termine come forma di impiego più utilizzata in azienda. Così i sindacati più volte avevano attaccato l'azienda chiedendo che si corresse ai ripari.

Lungamente atteso, il concorso dell'Ausl Romagna tardava ad arrivare mentre attorno le altre aziende si muovevano. Prima quella di Bologna, poi Ferrara. Così gli infermieri romagnoli cresciuti negli ospedali della loro terra prendevano la strada dell'Emilia, quando andava bene. L'Ausl Romagna prima ha lanciato un bando di reclutamento, valido per cinque anni, in cui attingere personale a tempo determinato. Poi ha deciso un piano per la stabilizzazione dei precari assunti da almeno 3 anni. Infermieri, ma non solo: in totale interessa 240 persone. Infine, nei giorni scorsi, il concorso. Si presenteranno, probabilmente, in migliaia da tutta Italia.