Imola

Restaurata la stele a ricordo della visita di Papa Giovanni Paolo II

Grazie all’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio che ha anche recuperato e sistemato le antiche targhe dei beneffatori di Palazzo Vespignani

Restaurata la stele a ricordo della visita di Papa Giovanni Paolo II

La stele in ricordo della visita in città di Papa Giovanni Paolo II restaurata dalla Fondazione imolese

| Altro
N. Commenti 0

21/giugno/2018 - h. 13.05

IMOLA - Grazie all’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola si è proceduto nelle settimane scorse alla pulizia del monumento situato in zona Rocca a ricordo della visita in città di Papa Giovanni Paolo II. A seguito delle segnalazioni, già da tempo pervenute a riguardo dello stato di abbandono della stele, la Fondazione , così come auspicato dall’Associazione “Figli spirituali e amici di Padre Luigi”, ha sostenuto un progetto di intervento mirato al restauro e alla conservazione del manufatto. Altro intervento ha riguardato Palazzo Vespignani con il restauro delle targhe dei benefattori. Le moderne aule didattiche, le sale studio e i laboratori universitari di Palazzo Vespignani furono un tempo refettori, sale di lavoro, aule e dormitori destinati ad ospitare, crescere ed educare, le bambine abbandonate della nostra città e campagna. Dal 1934 qui ebbe sede l’Ente Morale “Infanzia Abbandonata Principessa di Piemonte” divenuto nel dopoguerra “Istituto per l’Infanzia Santa Maria Goretti”. A ricordo dell’operato di quella Istituzione alcuni componenti del Consiglio di amministrazione dell’odierna Fondazione Santa Maria Goretti, assieme ad alcuni componenti del Consiglio della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, ora proprietaria del palazzo, hanno assistito alla ricollocazione delle antiche targhe originali nelle quali sono riportati i nomi dei principali benefattori e dei principali protagonisti dell’attività storica e meritoria dell’Istituto. Una occasione importante nell’anno in cui ricorre il decennale della consegna di Palazzo Vespignani in comodato gratuito all’Alma Mater di Bologna.