Forlì

Davide Drei non si ricandidata a sindaco di Forlì

Il primo cittadino non vuole dividere il Pd. Il Movimento 5 Stelle apre già la campagna elettorale: "Lo sapevamo, vero cambiamento siamo noi"

Davide Drei non si ricandidata a sindaco di Forlì

Il sindaco Davide Drei

| Altro
N. Commenti 0

12/luglio/2018 - h. 10.52

FORLì - La stessa scelta che fece Roberto Balzani: Davide Drei non si ricandiderà a sindaco. Lo ha annunciato lui stesso in assemblea, prendendo atto della freddezza del partito nei confronti di una sua ricandidatura. "Non voglio dividere il Pd - ha detto il primo cittadino forlivese al circolo Karl Marx in Corso Matteotti - ma sono convinto di aver fatto la mia parte". Prima di essere sindaco, Drei è stato per cinque anni assessore in quella che considera la "fase amministrativa più complessa e onoresoa". Drei ha detto di non voler "pregiudicare soluzioni innovativa". Infine, vorrebbe che il suo successore fosse scelto tramite primarie.

Le prime reazioni sono quelle del Movimento 5 Stelle forlivese: "Che il sindaco Drei non si sarebbe ricandidato era ampiamente prevedibile visti gli scarsi risultati della attuale Giunta, evidenziati spesso anche dalla nostra azione politica, motivo per cui riteniamo questo anche una nostra vittoria. Che Dreinon avrebbe fatto il bis lo avevamo poi già  che solo il Movimento 5 Stelle può dare, dopo anni di dura opposizione siamo pronti per liberarla dal sistema clientelare che la tiene ingessata, senza alternanza dal dopoguerra. Invitiamo tutti i cittadini a darci una mano in questa impresa, dura ma non impossibile, come è stato dimostrato pochi giorni fa ad Imola". Sul possibile successore: "Nessuno di loro ci spaventa" e via con un elenco di papabili come Marco Di Maio. "Il parlamentare che nel 2014 parlava di Halcombe, che aveva rilevato l'aeroporto di Forlì, come una offerta seria, concreta e solida". Né il Movimento si spaventa dell'assessore Francesca Gardini che " ha dato il via ad una nuova fase speculativa edilizia nella nostra città, come se questo fosse la panacea di tutti i mali, grazie alle legge urbanistica della Regione Emilia Romagna, altro baluardo da conquistare per cambiare finalmente le cose". Insomma: la campagna elettorale è iniziata oggi. Sarà lunga.