Esplosione in A14

Danni per 10 milioni di euro, proseguono le indagini

Pesante stima dei danni da parte del Municipio di Bologna. Intanto il Presidente dei Comuni dell'Emilia-Romagna, il sindaco di Ravenna Michele De Pascale, invita tutti i colleghi ad inviare agenti per dare supporto alla viabilità lungo la tangenziale

esplosione autostrada
| Altro
N. Commenti 0

08/agosto/2018 - h. 18.21

BOLOGNA - "I danni stimati dall'incendio che lunedì ha provocato una violenta esplosione ammontano a dieci milioni". Questa la prima stima fatta dal Comune di Bologna e annunciata dall'assessore alla protezione civile Alberto Aitini. "Ci sono 5 milioni di euro di danni solo per le due concessionarie di auto - ha aggiunto - poi ci sono i negozi, le case. Contiamo i danni a due scuole della zona, in fase di quantificazione, alla sede del quartiere di Borgo Panigale. Danni anche all'illuminazione della zona". Proseguono intanto le indagini per fare chiarezza sulle cause che hanno provocato l'incidente. Nel frattempo Il sindaco di Ravenna e presidente di Anci Emilia-Romagna Michele de Pascale ha scritto una lettera ai Comuni della Regione E-R per avviare una collaborazione per gli interventi necessari ad assicurare la regolazione della viabilità del nodo stradale di Bologna dopo lo spaventoso incidente. Riportiamo di seguito il testo completo della lettera. 
 Caro Sindaco, caro Presidente, il drammatico incidente avvenuto nel nodo autostradale di Bologna e le sue spaventose conseguenze è stato seguito da una risposta adeguata nel momento della massima emergenza. Per questi interventi animati da professionalità, abnegazione e veri e propri atti di eroismo l’Anci Emilia-Romagna ringrazia tutti: i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine, la Polizia Municipale, il personale del Servizio Sanitario e tutti coloro che in vario modo hanno operato nelle ore dell’emergenza più drammatica. Ma l’impegno per attenuare gli effetti negativi di questo spaventoso incidente naturalmente non termina qui. Fin dal pomeriggio di lunedì ho espresso la disponibilità dei Comuni dell’Emilia-Romagna ad affiancare la Regione e il Comune di Bologna nelle azioni straordinarie che saranno necessarie. Sono certo che i Comuni della nostra Regione saranno all’altezza della propria tradizione solidaristica, come è stato in tutte le emergenze di Protezione Civile: ricordo come esempio il nostro impegno dopo il terremoto di due anni fa nell’Italia Centrale. In queste ore il Sindaco di Bologna Virginio Merola, il Presidente della Regione Stefano Bonaccini e l’Assessora regionale Paola Gazzolo mi hanno rappresentato come prima necessità quella di inviare uomini e donne della Polizia Municipale a supporto del lavoro di regolazione della mobilità della Polizia Municipale di Bologna, con il coordinamento di Anci Emilia Romagna, Regione e Comune di Bologna. Nelle prossime ore invieremo alla vostra attenzione le indicazioni operative. Sono certo che ognuno di voi farà il possibile, compatibilmente con l’esigenza di non sguarnire i propri territori, per dare una mano alla nostra Bologna, colpita così duramente dallo spaventoso incidente di lunedì.