Ravenna

Bando Periferie: il sindaco lancia una petizione on line e mobilita i cittadini

Il 3 ottobre manifestazione pubblica per sbloccare i fondi. In ballo ci sono 12 milioni per la Darsena di Città

Bando Periferie: il sindaco lancia una petizione on line e mobilita i cittadini

La Darsena di Ravenna

| Altro
N. Commenti 0

27/settembre/2018 - h. 13.21

RAVENNA - Il sindaco di Ravenna Michele De Pascale (che è anche presidente dell'Anci regionale) chiama la sua città alla mobilitazione per chiedere al governo di sbloccare i fondi per il bando periferie, rimandati dal Milleproroghe. L'appuntamento è per il 3 ottobre alle 18.30 in Darsena Pop Up. Una "chiamata pubblica" per "chiedere tutti insieme a Governo e Parlamento di sbloccare i finanziamenti per la riqualificazione urbana e la sicurezza della nostra Darsena di città, rispettando gli impegni presi il 18 dicembre 2017 attraverso la sottoscrizione con i sindaci delle convenzioni e ristabilendo così la fiducia tra cittadini e istituzioni". 

Nell’occasione sarà possibile firmare una petizione che verrà indirizzata a Governo e Parlamento. La petizione si trova anche on line.  La richiesta è quella di sbloccare l'erogazione dei fondi - come peraltro era stato promesso un paio di settimane fa dal premier - che per Ravenna valgono 12 milioni di euro.  “Investire nelle periferie – dichiara il sindaco de Pascale – significa investire nel futuro delle nostre città e delle comunità. Si tratta di progetti di importanza fondamentale: strutture sportive, contenitori culturali, parchi e tanti altri interventi per la qualità della vita e la sicurezza di intere aree urbane. Nel nostro caso il finanziamento ci serve per dare vita ad un quartiere più bello e vivo. Tanti interventi importanti per la socialità e la vivibilità, per una Darsena collegata e sicura e per un Candiano più pulito: la realizzazione della passeggiata sul lungocanale, il pontile di accesso all’acqua, la riqualificazione di edifici, il prolungamento del sottopasso della stazione, il collegamento con il mare e il trasporto passeggeri, il potenziamento del punto di accesso alla città di Piazza Aldo Moro, il nuovo sistema di videosorveglianza, la realizzazione dell’infrastruttura fognaria. Siamo fiduciosi che nel Governo e nel Parlamento siano presenti sensibilità attente al benessere e alla prosperità delle nostre periferie e dei cittadini che le amano e le vivono ogni giorno. A loro vogliamo rivolgerci per chiedergli di ripensarci e sbloccare fondi indispensabili per tutti i ravennati”.

 L’appello del sindaco de Pascale è stato già accolto con favore da alcuni dei privati coinvolti nel progetto Ravenna in Darsena – il mare in piazza. “Si era finalmente tracciato un percorso concreto per la riqualificazione della Darsena di città – dichiara Paolo Monduzzi, presidente di Naviga in Darsena – sostenuto anche da un’azione di Governo che aveva messo a disposizione fondi per importanti opere infrastrutturali e non solo; questo aveva permesso il coinvolgimento dei privati per incentivare lo sviluppo economico del comparto, e fra questi, molti nostri associati che hanno già investito importanti risorse. Il dietrofront del Governo sul Bando periferie e la rottura di questo contratto in maniera immotivata e improvvisa crea un danno, oltre a chi ha investito, all’intera nostra comunità”.

 “Importanti investimenti – commenta Franco Gardini promotore del progetto di collegamento tra la Darsena e il mare con la motonave Stella Polare – sono stati fatti sapendo di poter contare sull'aiuto finanziario del Governo. Il servizio ha avuto un notevole riscontro mediatico e di partecipazione, alleggerendo il traffico sulle strade, promuovendo uno stile di vita sano ed ecologico e portando riqualificazione in Darsena. Attualmente abbiamo molte richieste per poter continuare il lavoro anche nel periodo invernale. Ribadisco che a fronte del notevole impegno economico sostenuto contavo di aver già ricevuto il contributo promesso”.

“È veramente demotivante e sorprendente – commenta Daniele Baldini titolare del progetto AreaT – l’iniziativa di stoppare i benefici che il bando periferie avrebbe prodotto alla nostra città e al comparto Darsena in particolare così bisognoso di entusiasmo e di interventi. Il mio progetto è in uno stato molto avanzato, ma al di là di condurre i lavori di cantiere e di attivare l’iniziativa con le proprie forze, il luogo avrebbe la necessità di un beneficio comune e di attenzioni politiche per la sua serenità e attività. Forse a Roma non se ne preoccupano molto, ma non si fa così!”.