Bologna

Aetna e Sacmi, le aziende romagnole pronte per il salto nel futuro

Previsti investimenti milionari che porteranno nuovi posti di lavoro. Così in Emilia-Romagna si respira l'aria della Silicon Valley

Aetna e Sacmi, le aziende romagnole pronte per il salto nel futuro
| Altro
N. Commenti 0

28/settembre/2018 - h. 14.48

BOLOGNA - Due aziende del territorio romagnolo sono pronte ad investire milioni di euro per progetti di ricerca e sviluppo che porteranno all'assunzione di personale. Si tratta di Artna Group di Verucchio e del gruppo Sacmi di Imola che hanno sottoscritto con la Regione accordi di insediamento e sviluppo. Nel dettaglio, Aetna Group Spa, leader nel settore degl imballacci, vuole investire un techlab 4.0 per a ricerca, sviluppo, applicazione e formazione, anche nel campo del packaging, a Castel San Pietro Terme e a Verucchio. L'investimento è di 3,488 milioni (la Regione ha cofinanziato per 1,440) e l'incremento occupazionale previsto è di 23 nuove unità lavorative. 

La Sacmi, , storica cooperativa di Imola, leader mondiale nei settori delle macchine per ceramica, del packaging, delle macchine per l'industria alimentare e del beverage, farebbe nascere nel suo territorio un centro ricerche e sviluppo sull’applicazione dell’internet of things (applicazioni per l’industria), con anche ricadute pensate in particolare per il settore delle piastrelle e delle ceramiche. L’investimento previsto è di 3 milioni e 225 mila euro con un cofinanziamento della Regione di 1 milione e 412 mila euro. L’incremento occupazionale previsto sarà di 20 nuove unità lavorative.

In totale la Regione ha dato contributi per 11,5 milioni. Oltre alle due aziende romagnole, ci sono altre due importanti realtà che arriveranno in Regione. A Bologna è pronta ad insediarsi Ibm Italia, la multinazionale americana, che realizzerà un centro di ricerca su Active intelligence e tre progetti di ricerca e sviluppo relativi all’intelligenza artificiale. L’investimento previsto è di 4 milioni e 600 mila euro con un cofinanziamento della Regione di 1 milione e 313 mila euro. L’incremento occupazionale previsto sarà di 28 nuove unità lavorative annuali.

A Modena, la startup Energy Way Srl, che opera nel settore del data management industriale sviluppando soluzioni innovative per le imprese attraverso modelli matematici evoluti, allargherebbe la sua idea d’impresa allo studio dei Big data. L’investimento previsto è di 2 milioni e 520 mila euro con un cofinanziamento della Regione di 1 milione e 102 mila euroL’incremento occupazionale previsto, da realizzare entro l’anno a regime, sarà di 21 nuove unità lavorative.

Nei mesi scorsi era arrivata anche la notizia di 160 nuovi posti di lavoro che saranno creati dall'insediamento, in fase avanzata di realizzazione, con la californiana Eon Reality (24 milioni e 350 mila euro di investimenti e un contributo della Regione Emilia-Romagna di 6,3 milioni di euro) che il prossimo 14 novembre avvierà l’attività al Worklife Innovation hub di Casalecchio di Reno, alle porte di Bologna. Il nuovo centro di Eon Reality, che vede tra i suoi partner l’Università di Bologna, ha per obiettivo accelerare il rapporto uomo-macchina simulando la realtà, con l’aspirazione di diventare la piattaforma italiana per lo sviluppo di contenuti e applicazioni legati alla realtà virtuale. Verrà affiancato dalla Augmented and Virtual Reality School, che fornirà attività formative con accesso libero per gli studenti.