Traffico

Dietrofront della Regione: le auto diesel Euro 4 potranno circolare

I Comuni hanno convinto la giunta. Saranno però strette le misure d'emergenza. Il blocco totale partirà dopo tre giorni di sforamento anziché quattro

Dietrofront della Regione: le auto diesel Euro 4 potranno circolare

Fotorepertorio

| Altro
N. Commenti 0

08/ottobre/2018 - h. 18.40

BOLOGNA - "Abbiamo tolto l'imposizione sui Diesel euro 4, stringeremo però le misure emergenziali. Ad esempio: da quattro giorni di sforamento si passerà a tre dopo i quali scatterà il blocco. Investiremo per aumentare le domeniche ecologiche e metteremo 5 milioni di euro, risorse della Regione, per la rottamazione dei veicoli privati non commerciali".  Sono le parole del presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini al termine dell'incontro con i sindaci di 30 comuni sul piano aria regionale. Una riunione durata oltre sei ore e che partiva da alcune deroghe concesse da comuni bolognesi per la circolazione dei diesel euro 4, fermati dalle misure regionali. "Abbiamo fatto una lunghissima riflessione con i comuni - ha aggiunto Bonaccini - le misure per il bacino padano che abbiano validità devono essere prese tutte insieme".

"Scelta di buon senso della Regione, che decide di ritirare il blocco per i motori diesel euro 4 e accogliere le istanze avanzate dai sindaci, aggiungendo anche un investimento di cinque milioni di euro dal 2019 che serviranno per incentivi ai privati per cambiare l'auto, che si aggiungeranno a quelli già previsti a livello nazionale. A questo proposito, credo sia importante lavorare per inserire nella prossima legge di bilancio una norma che rafforzi gli incentivi esistenti per sostenere l'impegno dei cittadini, oltre che delle imprese, che hanno necessità o decidono di cambiare auto per acquistare una più ecologicamente più sostenibile". Lo afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio al termine della riunione in Regione tra i sindaci al termine dell'incontro con i sindaci di 30 comuni sul piano aria regionale.