Imola

Visita gratuita alla scoperte negli spazi nascosti dell'ex convento

Il museo archeologico che verrà: una domenica pomeriggio tra passato, presente e futuro dei Musei civici imolesi

Visita gratuita alla scoperte negli spazi nascosti dell'ex convento

Il museo archeologico di San Domenico

| Altro
N. Commenti 0

10/ottobre/2018 - h. 15.30

IMOLA - In occasione della settimana di promozione della Cultura in Emilia-Romagna “Energie diffuse”, i Musei civici imolesi organizzano una visita guidata gratuita negli spazi nascosti dell’ex convento di San Domenico alla scoperta del Museo archeologico che verrà.  Il ricco patrimonio archeologico del territorio imolese non è infatti visibile da oltre trent’anni e nel 2019 partiranno, grazie ad un finanziamento europeo che affiancherà quello del Comune, i lavori di restauro degli ambienti del primo chiostro di San Domenico che ospiterà il nuovo Museo archeologico. 

Domenica 14 ottobre l’archeologa Laura Mazzini condurrà il pubblico in un affascinante e sconosciuto percorso che toccherà il chiostro rinascimentale costruito durante la signoria dei Riario Sforza, l’antico granaio del convento domenicano da cui il futuro Museo archeologico prenderà avvio con le sezioni di preistoria e protostoria, per poi scendere nell’area archeologica della “domus del rasoio”, la casa romana del I secolo d.C. scoperta sotto il complesso di San Domenico. 

Si procederà quindi nell’enorme spazio delle cantine del convento che si snoda sotto via Quarto fino a raggiungere addirittura il sotterraneo del vicino ex convento di San Francesco, l’attuale Biblioteca comunale. Qui sarà possibile vedere molti reperti di età romana e medievale che costituivano il Museo archeologico realizzato nel 1965 e chiuso nel 1985 per motivi conservativi e da allora non più visibile. 

Un lungo, inatteso e sorprendente percorso alla scoperta di un imponente edificio del centro storico della città, di un ricco patrimonio di reperti archeologici e di un affascinante progetto museale che prende ora l’avvio: il nuovo Museo archeologico che costituirà il terzo tassello ancora mancante per il completamento del Museo di San Domenico che già ospita le Collezioni d’arte della città aperte nel 2011 e il Museo Scarabelli inaugurato nel 2013.  

L’appuntamento è alle ore 17,30 nella biglietteria del Museo di San Domenico, in via Sacchi 4. L’ingresso al Museo e la visita guidata saranno gratuiti; non occorre prenotazione.