Cattolica

Acqua bollente addosso al padre per spillargli denaro: arrestato

Un 32enne si è reso responsabile di maltrattamenti ai danni dei genitori per acquistare droga. Ventimila euro ottenuti con la violenza

Acqua bollente addosso al padre per spillargli denaro: arrestato
| Altro
N. Commenti 0

17/ottobre/2018 - h. 18.44

RIMINI - Due persone sono state arrestate per maltrattamenti ai genitori. A Cattolica un 32enne si sarebbe reso protagonista di reiterate condotte persecutorie nei confronti dei genitori (nonostante la madre risulti invalida all’80%), sfociate, in alcune circostanze, anche in vere e proprie aggressioni fisiche. Secondo quanto riportano i carabinieri, in una circostanza lanciava con un contenitore acqua bollente nei confronti del padre, provocandogli ustioni sul fianco destro e gamba destra giudicate guaribili in 20 giorni. Ogni violenza o minaccia era finalizzata ad ottenere denaro ed altri beni di valore, tra cui gioielli, per acquisto stupefacente. La somma estorta ai genitori è stata quantificata in circa 20.000 euro solo negli ultimi due anni. Il 32enne è stato arrestato e portato in carcere. La denuncia è quella di maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate ed estorsione.

 


Nel tardo pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Coriano hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 36enne, pregiudicato del luogo, in regime degli arresti domiciliari presso la Comunità terapeutica “Papa Giovanni XXIII – Casa Betania”, poiché inottemperante alle regole imposte dalla stessa comunità (tra cui la volontà di allontanarsi dalla struttura senza le prescritte autorizzazioni). L’uomo era recluso presso la citata comunità per dei maltrattamenti in famiglia commessi nei confronti dei genitori.