Rimini

Il raduno degli Alpini del 2020 si svolgerà a Rimini

La città romagnola ha battuto Torino e Verona. Sarà la prima adunata Italia - Estero. Il Comune: "In tre giorni potremmo toccare 1,2 milioni di presenze"

Il raduno degli Alpini del 2020 si svolgerà a Rimini
| Altro
N. Commenti 0

10/novembre/2018 - h. 16.55

Rimini ospiterà il raduno degli Alpini nel maggio del 2020. Questo è quanto deciso dal Consiglio direttivo nazionale che ha preferito Rimini e San Marino alle altre due candidate in corsa, Verona e Torino.

“E’ un risultato straordinario e inatteso – commenta l’avvocato Vittorio Costa, presidente della sezione bolognese-romagnola degli Alpini - La candidatura riminese ha ottenuto la maggioranza alla prima votazione, senza necessità di andare al ‘ballottaggio’ come sempre avviene, a conferma della ferma convinzione dell’Associazione a optare per la proposta romagnola. Rimini è il comune capofila per un evento che coinvolge tutto il territorio e che comprende anche San Marino. Sarà la prima adunata Italia-estero e si stima che si potranno toccare 1,2 milioni di presenze in tre giorni. E’ un risultato frutto dello spirito alpino che esiste a Rimini, in Romagna e sul Titano; uno spirito che ha consentito di avviare proficui rapporti con l’Associazione nazionale”.

“La città è pronta ad ospitare questo nuovo importante appuntamento nazionale – è il commento del sindaco di Rimini Andrea Gnassi – Non è un traguardo della città, ma il risultato ottenuto da un intero territorio. E’ la vittoria della provincia, di un sistema di comuni da Bellaria, Rimini, Riccione, Misano, Cattolica. E’ una vittoria dell'Emilia Romagna e di quella terra ricca di umanità e storia che è la Romagna e che è la Repubblica di San Marino. Superando le candidature di città autorevoli come Verona e Torino, la nostra provincia si conferma come contesto di rilievo internazionale, per appeal e logistica”.

“È un onore per la regione, il territorio riminese e San Marino ospitare una delle istituzioni più amate del nostro paese – conclude il sindaco - E’ anche il riconoscimento della storia di Rimini medaglia d’oro al valore civile e allo stesso tempo il riconoscimento di un cambiamento messo in atto dalla città, che ha messo al centro la sua identità e il suo passato romano, medievale, rinascimentale fino al novecento con Fellini”.