Ravenna

La tappa ravennate del Giro d'Italia partirà da piazza del Popolo

La carovana rosa il prossimo 21 maggio toccherà alcuni dei punti più caratteristici della città per il percorso che arriverà sino a Modena

Foto Lapresse
| Altro
N. Commenti 0

15/novembre/2018 - h. 17.31

La decima tappa del Giro d’Italia 2019 partirà da Ravenna il prossimo 21 maggio. Oggi, 15 novembre, lo staff organizzativo della Rcs Sport ha incontrato l’assessore allo Sport Roberto Fagnani, i tecnici e i funzionari del Comune e gli operatori della Municipale per i sopralluoghi e la prima riunione operativa. Un incontro proficuo che ha individuato l’area di partenza, quelle di permanenza delle carovane e dei mezzi, il percorso che i ciclisti effettueranno per raggiungere in volata Modena, la destinazione di una tappa definita piatta attraverso la pianura padana ravennate e bolognese.

Protagonista sarà piazza Del Popolo dove saranno allestiti il podio firma e l’area hospitality,  mentre viale Farini ospiterà il villaggio commerciale con gli sponsor ; il paddock dei team e il parcheggio dei bus sono previsti nelle vie Carducci e Santi Baldini. I ciclisti partiranno da piazza del Popolo per attraversare le vie Diaz, Di Roma, Cesarea, Romea, viale Po, via Gramsci, e più avanti imboccare le strade statali e provinciali verso Modena.

“Faremo in modo – ha detto Fagnani – che la tappa di Ravenna sia una grande festa dello sport e della città e siamo pienamente impegnati fin da ora per organizzare, insieme allo staff di Rcs e al nostro, una giornata di divertimento puro e indimenticabile”.

Ravenna si prepara quindi a mostrare il suo volto più bello e alcuni dei suoi monumenti: il Giro toccherà la basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Palazzo di Teodorico, il Museo d’arte della città (Mar), la basilica di Santa Maria in Porto. Riflettori puntati sulla città a livello nazionale e internazionale: saranno infatti quasi 200 le televisioni collegate nei 5 continenti e in grado di raggiungere una audience potenziale di oltre 800 milioni di persone.  Un’occasione straordinaria che Ravenna intende cogliere al meglio.