Ravenna

Spacciano vicino alle scuole, la finanza scova quasi otto etti di marijuana

Arrestati due nigeriani. La guardia di finanza e i carabinieri hanno scoperto che abitavano a breve distanza da un istituto del centro storico

Spacciano vicino alle scuole, la finanza scova quasi otto etti di marijuana
| Altro
N. Commenti 0

29/novembre/2018 - h. 15.32

RAVENNA - Proseguono i servizi di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici della città. Oggi, 29 novembre, durante una operazione congiunta dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Ravenna, sono stati arrestati due spacciatori. In particolare, in prossimità di un istituto superiore del centro, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ravenna, coadiuvati da un’unità cinofila del Gruppo della Guardia di Finanza, hanno notato un 31enne nigeriano il cui atteggiamento ha lasciato presupporre che fosse in attesa dell’arrivo di qualche “cliente”.

Pedinato dagli investigatori, l’extracomunitario ha raggiunto l’abitazione condivisa con un connazionale 29enne e ubicata a breve distanza dalla scuola. I carabinieri della stazione di via Alberoni hanno fatto irruzione nell’appartamento, rinvenendo 6 grammi di marijuana nella disponibilità dei due stranieri. Successivamente, grazie al fiuto di “Lucky”, il cane antidroga delle Fiamme Gialle, i militari hanno recuperato altri involucri dello stesso stupefacente, abilmente nascosti e del peso complessivo pari a 744 grammi.

Tenuto conto del quantitativo di sostanza sequestrata e del materiale utilizzato per il frazionamento e il confezionamento delle dosi, entrambi i nigeriani, incensurati e con regolare permesso di soggiorno, sono stati arrestati. Stamani i due sono comparsi davanti al Giudice del Tribunale di Ravenna che, con la convalida dell’arresto: ha condannato uno, su richiesta di patteggiamento, ad un anno di reclusione ed alla multa di 800 euro mentre l’altro, che ha richiesto i termini a difesa, è stato rinviato alla prossima udienza.