Imola

Slitta ancora la pista ciclabile su via Emilia Levante

L'amarezza del Comitato: "Opera chiesta da duemila persone ormai 16 anni fa ma viene superata da altri investimenti non così indispensabili"

Slitta ancora la pista ciclabile su via Emilia Levante
| Altro
N. Commenti 0

18/dicembre/2018 - h. 10.40

IMOLA - Il prolungamento della pista ciclabile di via Emilia Levante si farà? Si tratta di un tratto di 800 metri di cui si parla da oltre 16 anni: è del 2002 infatti la petizione che allora raccolse duemila firme. Indispensabile - diconi i cittadini - per collegare il onte sul Santerno con via Zello.  "Ad oggi - scrivono i sostenitori - questo prolungamento della ciclabile fino a via Gratusa misura appena 800 metri ma è di fondamentale importanza per poter permettere ai cittadini del quartiere di Tre Monti-Zello di poter utilizzare la bicicletta come mezzo di spostamento in modo sicuro e soprattutto indispensabile perché non è presente nessun percorso alternativo".

Nel 2017, dopo 15 anni di sollecitazioni e incontri con le amministrazioni comunali via via succedutesi, il progetto di prolungamento della pista ciclabile era stato inserito nel programma triennale delle opere pubbliche 2019/2021 insieme alla nuova rotatoria tra via Emilia e via Zello. Dopo l’incontro di ottobre con il neo assessore Minorchio, in cui il Comitato ha presentato di nuovo le 2.000 firme raccolte, "ora apprendiamo dalla stampa locale che le opere pubbliche inserite nel programma triennale 2019/2021 sono state sospese ma che al contempo è stato deliberato un finanziamento di 263.000 euro per la realizzazione di una pista ciclabile su viale della Resistenza, addirittura prevista tra le opere pubbliche del 2018".

Il comitato - scrivono i sottoscrittori - "è a favore di tutte le piste ciclabili, ma ci preme sottolineare l’amarezza e la frustrazione che abbiamo provato insieme ai 2.000 concittadini che rappresentiamo nel vedere per l’ennesima volta bypassato il prolungamento della pista ciclabile di cui siamo promotori – e che ha dimostrato la sua valenza essendo stata inserita tra le opere pubbliche da realizzare – da un altro progetto che non presenta il requisito della indispensabilità e della mancanza di alternativa. Un’opera fondamentale e indispensabile per la sicurezza e la salute dei cittadini, finalmente inserita dopo 15 anni nel programma triennale delle opere pubbliche 2019/2021, sospesa e bypassata da un’altra ennesima opera non altrettanto indispensabile. Gli impegni presi vengono inspiegabilmente disattesi. E’ questo il cambiamento?

Anche alla luce dei diversi cantieri aperti sulla via Emilia per la realizzazione di piste ciclabili presenti in diversi comuni come Cesena, Bertinoro, Forlimpopoli, Forlì, Dozza, Castel San Pietro Terme, Ozzano, San Lazzaro, "a riprova della necessità non più prorogabile di mettere in sicurezza i percorsi più penalizzati dai volumi e pericolosi per tipologie di traffico, siamo pertanto a chiedere all’Amministrazione Comunale di Imola come e quando pensa di realizzare il prolungamento della ciclabile fino a via Gratusa, affinchè non sia più procrastinato l’obiettivo di rendere più sicura – al pari di altre – una parte importante della nostra città".