Rimini

Carabinieri, il bilancio del 2018: in calo furti e denunce per stalking

I reati commessi sul territorio hanno conosciuto una forte flessione. I numeri tracciati dal comando provinciale

Carabinieri, il bilancio del 2018: in calo furti e denunce per stalking
| Altro
N. Commenti 0

28/dicembre/2018 - h. 16.14

RIMINI - Reati in calo in provincia di Rimini nel 2018 che passano da 18.230 a 16.681, di cui circa 2.700 con presunti autori noti. Sono i dati diffusi dai carabinieri di Rimini che in mattinata hanno fatto il punto dell'attività svolta nel 2018 con ilcomandante provinciale Giuseppe Sportelli . Diminusconi i furti che passano da 11.947 a 10.200, con una flessione del 14,6 per cento per tutte le tipologie dei furti. I furti in abitazione sono stati 1.280, quelli nelle attività commerciali 845. 

Le rapine sono diminuite del 16%, da 204 del 2017 a 171 di quest’anno e per il 42% di queste sono stati scoperti e denunciati gli autori. Le estorsioni passano da 62 episodi del 2017 a 56 di quest’anno, con il 41% dei responsabili denunciati all’Autorità Giudiziaria.

Passando all’analisi dei reati legati al consumo ed al traffico di sostanze stupefacenti, grazie al fattivo impegno messo in campo dall’Arma nel contrasto a tale tipologia delittuosa con l’obiettivo primario di tutelare la salute dei cittadini, si registra un incremento dei delitti perseguiti (da 191 a 209 +9,4%). Il dato è il frutto dell’incisiva azione repressiva posta in essere quotidianamente da tutti i Reparti dipendenti, che hanno effettuato un maggior numero di arresti (da 230 a 245, +6,5%), mentre le denunce in stato di libertà sono state 151, sostanzialmente in linea con quelle del 2017. Le segnalazioni amministrative alla Prefettura per uso personale di stupefacenti nel 2018 sono state 264. La droga complessivamente posta sotto sequestro nel 2018 è pari a circa 420 chili. Dal punto di vista del consumo dei vari tipi di droga, si registra una costante diffusione di sostanze stupefacenti quali marijuana, cocaina ed hashish, distribuita fra tutte le varie fasce di età e nei differenti ceti sociali.

Al riguardo, grande attenzione è stata rivolta ai più giovani, organizzando 944  servizi nei pressi degli istituti scolastici, svolti impiegando sinergicamente personale in uniforme ed in abiti borghes che hanno consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro oltre 40 dosi di sostanze stupefacenti di varia natura, cui sono seguite 17 segnalazioni amministrative al Prefetto.

Particolarmente rilevanti, nel 2018, sono i risultati conseguiti nell’attività di contrasto al fenomeno del sovraffollamento degli immobili lungo la fascia costiera. Nello specifico settore i reparti dipendenti, con il supporto del personale dell’AUSL e della Polizia Municipale di Rimini, hanno effettuato 16 servizi dedicati, ispezionando 24 appartamenti affittati ad extracomunitari regolari e successivamente sub-affittati ad altri stranieri, tra cui anche qualcuno irregolare e/o clandestino. In tali strutture sono stati identificati 198 extracomunitari, di cui 1 arrestato per aver fatto reingresso nel territorio nazionale nonostante fosse stato espulso dalla frontiera e 5 denunciati in stato di libertà per violazione delle norme sul soggiorno in Italia. Sono state altresì comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 2.500 euro per sovraffollamento delle unità abitative ed avanzate due proposte di sgombero immediato.

Importante l'azione della violenza di genere: per quanto riguarda lo stalking,  dati statistici registrano una diminuzione del 15% dei casi denunciati, cha passano da 66 nel 2017 a 56 nell’anno in corso (-15%), con 5 arresti e 52 denunce in stato di libertà e 8 divieti di avvicinamento alle vittime. Per quanto concerne il reato di “maltrattamenti in famiglia” si è registrato un leggero aumento rispetto al 2017, con 90 episodi denunciati rispetto agli 86 dello scorso anno, mentre l’attività repressiva posta in essere ha fatto registrare un sensibile aumento delle persone denunciate in stato di libertà, con 91 denunce a pierde libero nell’anno in corso rispetto alle 40 denunce del 2017; sostanzialmente invariato rimane il numero degli arresti e dei divieti di avvicinamento (12 soggetti arrestati e 10 sottoposti a divieto di avvicinamento alle vittime). I carabinieri hanno messo in piedi anche politiche attive con l'istituzione di apposite aule per le audizioni riservate alle donne vittime di violenza (a Cattolica e Novafeltria). I carabinieri hanno messo in campo anche alcuni corsi di autodifesa. 

Sempre per quanto concerne l’attività a favore delle fasce deboli, nell’anno in corso i Carabinieri del Comando Provinciale di Rimini hanno intensificato ulteriormente l’attività informativa sulla prevenzione delle truffe e dei reati in genere in danno delle persone anziane. L’impegno profuso si è tradotto in un calo degli episodi di truffa in danno di anziani consumati, che passano da 41 nel 2017 a 19 nell’anno in corso (-53%), con 11 persone deferite in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria.

Quotidiano è stato altresì l’impegno nel campo della sicurezza stradale, con l’impiego sul territorio di oltre 12.741 pattuglie dedicate, con oltre 4.200 contravvenzioni per infrazioni al codice della strada tra cui si segnalano circa 430 denunce in stato di libertà per guida sotto l’effetto dell’alcool e/o di sostanze stupefacenti, 775 sanzioni per guida di mezzi con revisione scaduta, 268 per guida senza assicurazione RCA, oltre 300 per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza, 357 per eccesso di velocità, 242 per utilizzo del telefono cellulare alla guida e 20 per il mancato uso del casco.

Nel bilancio di fine anno non si può non sottolineare l’impegno dei Carabinieri del Gruppo Forestale di Rimini che opera nel territorio della Provincia di Rimini con sette presidi quali il Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Rimini, retto dal Col. Aldo Terzi e le 6 Stazioni Carabinieri Forestale di Rimini, Morciano di Romagna, Santarcangelo di Romagna, Novafeltria, Sant’Agata Feltria e Pennabilli, tutte alla guida di Sottufficiali, con una dotazione effettiva di 30 Carabinieri Forestali.

L’attività di contrasto ai reati ed agli illeciti ambientali ha permesso di conseguire, anche nel 2018, importanti risultati che si sono concretizzati nell’esecuzione di 8.292 controlli, 2.559 persone identificate, 826 veicoli controllati, 58 interventi effettuati, l’accertamento di 341 illeciti amministrativi nel settore ambientale, per un importo complessivo contestato pari ad € 182.324,17, la trasmissione all’Autorità Giudiziaria di 80 comunicazioni di reato nel settore ambientale con 24 sequestri, 2 perquisizioni, 3 persone arrestate e 71 denunciate in stato di libertà.

Tagli boschivi e vincolo idrogeologico, caccia e pesca, rifiuti e discariche, incendi boschivi e prevenzione, edilizia, urbanistica e paesaggio, maltrattamento animali e protezione animali, circolazione fuoristrada, aree protette e parchi sono i settori dove si è maggiormente concentrata l’attività operativa e di controllo dei Carabinieri Forestali, indicativi di un’attività di contrasto a tutte le variegate tipologie di illeciti in danno dell’ambiente, degli ecosistemi, della flora e della fauna presenti in provincia di Rimini, con un impegno di protezione a 360 gradi su tutte le componenti ambientali.

Al fine di incrementare la percezione di sicurezza nella cittadinanza e porre in essere una concreta azione di contrasto ai vari fenomeni delittuosi, i Carabinieri hanno massimizzato la proiezione esterna sul territorio, impiegando 24.686 pattuglie, che si traducono nel controllo di circa 148.800 persone e 123.678 mezzi nel corso dell’ann

Scrive il comando provinciale: "Come già evidenziato, il 2018 è stato un anno di grande impegno per i militari del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini, che oltre alle classiche attività di prevenzione e repressione dei reati hanno posto in essere una continua e costante attività incentrata sulla vicinanza alla popolazione, al fine di fornire sempre una celere risposta alle esigenze di ogni cittadino. In tale ottica, anche in vista degli imminenti festeggiamenti di fine anno programmati in questa Provincia, il Comando Provinciale di Rimini, in un’ottica di sicurezza integrata ed in linea con le disposizione impartite dal signor Prefetto, predisporrà un significativo e capillare servizio di controllo del territorio, supportato anche dal prezioso ausilio dei velivoli del Nucleo Carabinieri Elicotteri di Forlì, al fine di garantire la massima proiezione esterna, di porre in essere un’attenta ed efficace attività preventiva, nonché  di garantire alla cittadinanza un tangibile senso di prossimità".