Faenza

Addio a 'cichino', agricoltore gentiluomo

Le comunità di Fossolo di Faenza e Russi piangono la scomparsa improvvisa di Francesco Gallina, per anni dirigente della Coldiretti provinciale e Presidente onorario dei coltivatori diretti pensionati

Addio a 'cichino', agricoltore gentiluomo

Francesco Gallina (a destra) mentre riceve la targa di Presidente onorario dei Pensionati Coldiretti della provincia di Ravenna

| Altro
N. Commenti 0

05/gennaio/2019 - h. 10.10

FAENZA - E' un avvio d'anno che l'intera Coldiretti provinciale, informata dell'improvvisa scomparsa dello storico dirigente Francesco Gallina, non può che vivere con sincera e profonda commozione. "Un sentimento questo che, ovviamente, commenta il Presidente provinciale Nicola Dalmonte, si unisce alla partecipazione forte e convinta di tutta Coldiretti Ravenna al dolore della famiglia del nostro Francesco, per oltre 20 anni autorevole e stimato punto di riferimento dei pensionati coltivatori in qualità di Presidente dell'Associazione Coldiretti Pensionati Ravenna (della quale era attualmente Presidente Onorario) e da sempre in prima linea in tutte le battaglie condotte dalla nostra Organizzazione, la sua seconda casa, per la tutela dei diritti degli agricoltori, pensionati e non". Coltivatore diretto in quel di Fossolo, tra Russi e Faenza, Gallina, per gli amici, i tantissimi amici, detto 'cichino', era nato a Faenza nel 1938. Lascia la moglie Riccarda e la figlia Maria Teresa. Durante gli anni di Presidenza dei Pensionati Coldiretti di Ravenna aveva ricoperto anche il ruolo di consigliere nazionale Ferderpensionati. “La scomparsa di un amico è sempre dura da accettare – commentano all'unisono il presidente Dalmonte insieme al direttore Walter Luchetta e all'attuale Presidente dei Pensionati Coldiretti Giancarlo Merendi – ed in questo caso, trattandosi di Francesco, uomo dotato di grande umanità e intelligenza, presenza costante e preziosa all'interno della Giunta e del Consiglio provinciale, il dolore è indubbiamente forte. Con lui se ne va un pezzo della nostra famiglia, della nostra Coldiretti, e siamo certi che la sua dipartita rappresenti una grave e grande perdita per tutta l’agricoltura provinciale e per tutti coloro che operano nel settore”. Nel chiudere questa breve e purtroppo triste nota, Coldiretti Ravenna non può non ricordare le parole pronunciate da Francesco nel marzo scorso, al momento di cedere il testimone di Presidente Pensionati: “Sono onorato di aver dedicato tempo e impegno alla Coldiretti e agli amici Pensionati, pilastri delle famiglie e modelli per le nuove generazioni chiamate a prendere le redini delle nostre aziende e dell'agricoltura, settore primario all'interno della società. Finché potrò continuerò sempre a lottare per la tutela dei diritti di tutti coloro che credono in un'agricoltura più vera e più giusta”. In quell'occasione Francesco Gallina venne premiato da Coldiretti Ravenna con una targa che ne sottolineava l'impegno e la dedizione mostrati in qualità di Presidente di Coldiretti Pensionati Ravenna. A tracciare un ricordo di Gallina è anche l’ex Direttore di Coldiretti Ravenna Antonio Sangiorgi: “Perdiamo una persona per bene, un brav’uomo che nei momenti difficili c’era sempre con la sua grande saggezza e il suo grande equilibrio, sono certo che mancherà a tutta la Coldiretti e a tutti noi”. A partire da oggi, dalle ore 15,00 alle ore 18,00, è possibile omaggiare il feretro presso la Camera Mortuaria di Russi; domani, alle ore 20,00, recita Rosario presso la Chiesa di Fossolo. Lunedì 7 gennaio, alle ore 9,00, si terrà il funerale presso la Chiesa di Fossolo di Faenza.