Imola

Lite per i cani, 58enne atterra con un pugno in faccia una donna

La vittima aveva "rimproverato" due bull terrier a spasso senza guinzaglio che ringhiavano contro la sua cagnolina. Il padrone non ha gradito e l'ha picchiata

Lite per i cani, 58enne atterra con un pugno in faccia una donna
| Altro
N. Commenti 0

09/gennaio/2019 - h. 15.40

I Carabinieri della Stazione di Imola hanno individuato l’autore di un fatto accaduto qualche giorno fa all’interno di un parco pubblico situato in via Ottorino Respighi. L’uomo, 58enne, domiciliato a Imola è stato denunciato per aver preso a pugni una 57enne imolese che gli aveva “rimproverato” i suoi due cani razza “Bull Terrier”. In particolare, la donna, mentre stava passeggiando col suo cane al guinzaglio – come previsto dal regolamento comunale in merito alla conduzione dei cani nei luoghi pubblici – era stata improvvisamente raggiunta dai due “molossoidi” di colore bianco sprovvisti di guinzaglio che, dopo essersi fermati a breve distanza, avevano iniziato a ringhiare contro il suo “Shiba Inu”, una razza canina di taglia media. 

Nel tentativo di allontanare i due “Bull Terrier” ed evitare ulteriori conseguenze, la donna era stata improvvisamente “attaccata”, non dai due “temibili” cani, ma da loro padrone che trovandosi in zona e avendo assistito alla scena, non aveva gradito le sue rimostranze. Così, dopo aver scansato i suoi due cani, il 58enne è entrato in azione, mandando la donna al “tappeto” con un pugno al volto. Incredula, la donna afferrava il cellulare e nel tentativo di chiedere aiuto al 112, si vedeva nuovamente attaccata, sempre dal padrone, che dopo averle strappato dalle mani il telefono glielo scaraventava a terra. A quel punto, l’uomo si è allontanto in compagnia dei suoi due cani che sono restati  liberi, senza guinzaglio, mentre la donna, dopo aver chiesto aiuto ai Carabinieri, si è recato al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Imola per farsi medicare. Il 58enne è stato individuato dai Carabinieri della Stazione di Imola e denunciato per lesioni personali, violenza privata e omessa custodia di animali.